Galli: "Non mi aspetto epidemia di colera, più rischio tifo"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Gio, Giu

Galli: "Non mi aspetto epidemia di colera, più rischio tifo"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Sull'allarme dell'Oms per il rischio di focolai di colera a Mariupol in Ucraina, "penso che come prima scelta di una possibile malattia ci sta di più il tifo. Il colera si manifesta difficilmente in un'area così temperata o fredda, diciamo che qualcuno ce lo deve portare. In Yemen c'è stato un problema con la

guerra, visto che avevano distrutto gli impianti idrici. Quindi immagino più il rischio per le altre malattie trasmissibili per via oro-fecale, tipo epatite A o tifo. In Ucraina si era parlato più di poliomielite, viste le basse vaccinazioni. Secondo me dall'Organizzazione mondiale della sanità è arrivato un segnale di stare attenti, ma non mi aspetto un'epidemia di colera così facilmente". Lo sottolinea all'Adnkronos Salute Massimo Galli, già direttore del reparto di malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002