Vaiolo delle scimmie, ipotesi nuova variante più trasmissibile
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Gio, Giu

Vaiolo delle scimmie, ipotesi nuova variante più trasmissibile

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Casi di vaiolo delle scimmie che si moltiplicano in un numero sempre maggiore di Paesi, con trasmissione uomo-uomo, anche in persone che non hanno fatto viaggi recenti in aree a rischio. Un elemento che stupisce le autorità sanitarie internazionali ("per l'Europa è la prima volta", osservava ieri l'Ecdc), e che

risulta "singolare" anche a Carlo La Vecchia, epidemiologo dell'università Statale di Milano. Potrebbe essere cambiato qualcosa nella natura del virus responsabile del 'monkeypox'? "Questo è molto probabile", dice l'esperto all'Adnkronos Salute. Una nuova variante? "Sembra logico ipotizzarla", risponde.  

"Di questo virus - ricorda La Vecchia - c'erano già due varianti, una in Congo e una nell'Africa occidentale in generale", quindi per l'epidemiologo è plausibile "che possa esserne comparsa un'altra in grado, pur con difficoltà, di trasmettersi da uomo a uomo anche al di fuori dall'ambiente africano".  

In ogni caso, "la restrizione a un solo sesso" che almeno finora sembra avere l'infezione, secondo l'esperto "indica che non c'è una trasmissione diffusa" e che "evidentemente siamo di fronte a una contagiosità relativamente limitata".  

"Questi sono anche i primi casi al mondo segnalati tra gli Msm", maschi che hanno rapporti sessuali con maschi, segnalava sempre ieri il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. Come interpretare questa informazione? "Senza dubbio questo non è un virus a trasmissione sessuale", chiarisce per prima cosa La Vecchia. Tuttavia al momento "la restrizione a un solo sesso" appare oggettiva, pertanto "evidentemente si è formato un cluster all'interno di questa comunità - ragiona l'epidemiologo - e nell'ambito di contatti personali stretti si è verificata una trasmissione".  

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002