Covid Italia, Abrignani: "Troppi morti? Evitarli significa tornare a restrizioni"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Dom, Giu

Covid Italia, Abrignani: "Troppi morti? Evitarli significa tornare a restrizioni"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "Stiamo accettando l'idea, di avere come per l'influenza, delle 'brutte annate' in cui ci sono molti morti" di Covid "per qualche mese". Nei confronti del coronavirus pandemico ormai "c'è un senso di accettazione, ma per evitare questo numero di morti bisognerebbe tornare ad attuare misure restrittive, come numeri

limitati nei locali, distanziamento eccetera". Lo ha spiegato Sergio Abrignani, immunologo dell'università Statale di Milano, ospite di 'Un Giorno da Pecora' su Rai Radio 1. 

La pandemia di Covid-19, ha chiarito l'immunologo, "non è finita, è finita l'emergenza". E benché, "se dovesse restare Omicron 2, non ci sarà" una nuova ondata in autunno, "il Covid non scomparirà mai. E' impossibile". Guardando al futuro, "la mascherina io continuerei a usarla", ha aggiunto l'esperto. Che sulla quarta dose di vaccino la pensa così: "La suggerirei fortemente per i soggetti fragili". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002