Quarta dose, Pregliasco: "Affossata da narrazione sbagliata"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Lun, Ago

Quarta dose, Pregliasco: "Affossata da narrazione sbagliata"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "La quarta dose di vaccino anti-Covid è fondamentale per le persone over 80 e per i fragili". Eppure, secondo gli ultimi dati di ministero della Salute e Istituto superiore di sanità, oltre 4 ultra 80enni su 5 sfuggono ancora al secondo booster. Un'arma chiave affossata da "una narrazione sbagliata, di eccessiva

benevolenza di questo virus" diventato Omicron, "che invece continua a causare casi gravi, decessi giornalieri spesso a due cifre e Long Covid". E' l'analisi del virologo Fabrizio Pregliasco che, nonostante i ripetuti appelli di esperti e istituzioni, si confessa "pessimista" sulla possibilità di far passare il messaggio, anche con strumenti nuovi come una chiamata diretta o una campagna Tv. "Purtroppo per questo meccanismo dal basso, sui social, ma non solo - spiega all'Adnkronos Salute - credo davvero che sia difficile una comunicazione efficace in questo momento di transizione fra pandemia e andamento endemico" di Sars-CoV-2  

Si diffonde sempre più la percezione della bontà di Omicron 5, patogeno "che ora consideriamo banale o molto meno cattivo di quanto non fosse in precedenza", ragiona il docente dell'università Statale di Milano. Per le fasce più deboli o non protette, nemmeno quest'ultima versione del coronavirus è banale, ammonisce Pregliasco. "Quand'anche, e così non è - precisa - si fosse ridotto a una 'banale influenza', dobbiamo ricordare che in realtà neanche l'influenza è 'una banale influenza', perché provoca complicanze e fa morti. Ne abbiamo parlato per decenni, ne ho fatto la battaglia di una vita e so bene che è veramente difficile. A volte subentra un aspetto quasi di 'sopravvivenza psicologica' dei singoli, che porta a fare come gli struzzi e a mettere la testa sotto la sabbia, perché la verità non collima con le aspettative di vita e le esigenze economiche. Purtroppo sono pessimista", ripete il direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano.  

"Meglio aspettare il vaccino nuovo, aggiornato alle varianti circolanti, farlo ora con i prodotti che abbiamo non serve", il ragionamento che il virologo stigmatizza e che arriverebbe anche come "suggerimento" da "alcuni medici di famiglia". Il docente UniMi e direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano 'bacchetta' i fautori di questo tipo di "narrazione sbagliata" che finisce per 'tirare il freno a mano' alle quarte dosi fortemente raccomandate a over 80 e fragili.  

Il secondo booster non decolla, i dati lo confermano settimana dopo settimana, e invece "l'esecuzione della quarta dose di vaccino anti-Covid per le fasce alle quali viene offerta è assolutamente fondamentale", conferma l'esperto. Ancora di più in questa ondate estiva arrivata a sorpresa, che oltre ai contagi sta facendo risalire anche i ricoveri. "Il vaccino oggi disponibile serve eccome - assicura Pregliasco - Comunque si base su un virus ancora in grado di rilanciare la risposta immunitaria, specie quella delle cellule T della memoria, determinando un rinforzo della protezione complessiva" da Sars-CoV-2, anche nelle sottovarianti Omicron 4 e 5.  

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002