Congedo parentale 2022, nuove regole: cosa cambia e come funziona
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
12
Ven, Ago

Congedo parentale 2022, nuove regole: cosa cambia e come funziona

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Dal 13 agosto 2022 cambiano le regole per il congedo parentale, quel periodo di astensione facoltativa, pagato entro certi limiti, a disposizione del lavoratore che ha necessità di prendersi cura del bambino nei suoi primi anni di vita e soddisfare i suoi bisogni affettivi e relazionali. 

Il governo ha infatti

introdotto maggiori tutele per la genitorialità, stabilendo ad esempio che l’età del figlio non è un fattore che determina se l’indennità sostitutiva spetta o meno. Fino a oggi, infatti, il congedo parentale viene pagato, al 30% della retribuzione, solamente quando richiesto nei primi 6 anni di vita del figlio, oppure tra i 6 e gli 8 anni qualora il reddito del lavoratore non superi una certa soglia.  

Dal 13 agosto, invece, viene stabilito che l’indennità spetterà in ogni caso, quindi fino ai 12 anni di età del figlio (termine ultimo entro cui godere del congedo parentale).  

Altra novità riguarda la durata dell’indennità. Anche se il congedo parentale spetta per un massimo di 10 mesi, considerando il periodo complessivamente fruito da entrambi i genitori, sono solamente 6 i mesi che godono della suddetta indennità. Oltre questo limite ci si può assentare dal lavoro senza rischiare il licenziamento, ma senza percepire alcunché. Dal 13 agosto, però, il limite dei 6 mesi aumenta, in quanto viene portato a 9 mesi: tuttavia, un genitore non può superare il limite personale di 6 mesi.  

Ma le novità non si concludono qui: ad esempio, come spiega Money.it, sale da 10 a 11 mesi il periodo di astensione facoltativa riconosciuto al genitore solo. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002