Monza, due indagati per accoltellamento 19enne a Brugherio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Sab, Ott

Monza, due indagati per accoltellamento 19enne a Brugherio

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Due trentenni sono stati identificati e indagati per lesioni volontarie aggravate dagli agenti della Squadra mobile della Questura di Monza, per l'accoltellamento di un 19enne avvenuto a Brugherio (Mb) la notte dello scorso 1° maggio. 

Il ragazzo, residente a Brugherio, stava camminando con gli amici e la

fidanzata in via De Gradi verso via Bergamo intorno all'1.20 della notte, quando un'auto è passata ad alta velocità, sfiorandolo e infrangendo una bottiglia di vetro, le cui schegge hanno colpito le gambe della ragazza. A quel punto il giovane ha inveito contro il veicolo, scatenando la reazione dei due uomini a bordo, che scesi in strada gli hanno puntato un coltello a scatto alla gola e lo hanno colpito prima con calci e pugni e poi con un fendente alla schiena, fino a fargli perdere i sensi. Trasportato in codice rosso all'ospedale San Gerardo di Monza dopo l'accoltellamento, il 19enne è stato ricoverato con una prognosi provvisoria di venti giorni. 

Alcuni passanti hanno tentato di calmare la situazione, ma l’aggressore che era in possesso del coltello, è tornato all'auto ed estratto dal bagagliaio un bastone in acciaio, con cui ha minacciato chiunque tentasse di intervenire. Dopodiché i due sono scappati in auto, verso corso Milano, mentre una donna che era in loro compagnia si è allontanata a piedi in via Bergamo. 

I testimoni hanno sommariamente descritto i due aggressori e riferito che l'auto su cui viaggiavano era una Renault di colore chiaro. L’analisi delle immagini dagli impianti di videosorveglianza comunale e di privati hanno confermato la dinamica dei fatti descritta da chi aveva assistito all'accoltellamento e mostrato inoltre come, dopo essersi accaniti contro il 19enne, i due uomini avessero continuato ad aggredire i suoi amici. La comparazione tra queste immagini, le dichiarazioni dei testimoni e la verifica di tutte le autovetture immatricolate in provincia di Monza e di Milano corrispondenti al modello indicato, hanno permesso di identificare i due autori dell’accoltellamento. 

Nella primissima mattinata di martedì 9 agosto gli agenti della Squadra Mobile hanno dato esecuzione alle perquisizioni domiciliari delegate dalla Procura di Monza, ritrovando e sequestrando l’abbigliamento indossato al momento dell'aggressione e acquisendo ulteriori elementi probatori a carico dei due. Uno dei due indagati è residente a Monza, pregiudicato per reati contro la persona e in materia di stupefacenti. Il complice è di Brugherio, incensurato e a piede libero. Dovranno rispondere di lesioni aggravate dall’uso del coltello. 

Nei loro confronti il questore della provincia di Monza e della Brianza Marco Odorisio ha disposto l’avvio da parte della divisione ufficio polizia anticrimine dei relativi procedimenti per l’applicazione delle misure di prevenzione e di sicurezza. "Ancora una volta il territorio ha parlato e ha avuto la risposta che la comunità attendeva", osserva Odorisio in una nota, sottolineando che "quanto accaduto deve far riflettere perché non può una serata in compagnia trasformarsi in un grave fatto di sangue con un giovane colpito alla schiena da una coltellata. Ancora una volta, come accertato, ricorre l’abuso di bevande alcoliche che unite ad una parola o ad un gesto di troppo, potevano trasformarsi in tragedia. L’invito è quello di essere sempre consapevoli sia nei momenti di divertimento che di socialità”.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.