Endocrinologo Giustina: "Pazienti Covid hanno grave carenza vitamina D"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Sab, Ott

Endocrinologo Giustina: "Pazienti Covid hanno grave carenza vitamina D"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "Negli ultimi 2 anni siamo stati sconvolti da una pandemia che era principalmente un'infezione respiratoria. Dopo un mese dal primo caso in Italia di infezione da Sars-CoV-2, una mia lettera sul 'British Medical Journal' ipotizzava che il grande coinvolgimento del nostro Paese potesse essere legato anche alla carenza di vitamina

D. Da allora sono passati 2 anni e sono orgoglioso di dire che quell'intuizione ha avuto nel tempo sempre più peso nella comunità internazionale. Oggi è un dato assodato che i pazienti ricoverati con il Covid hanno un'enorme prevalenza di bassa vitamina D". Così Andrea Giustina, primario di endocrinologia all'Irccs Ospedale San Raffaele di Milano e coordinatore scientifico della Consensus dell'Università Vita-Salute San Raffaele, in occasione della VI Consensus internazionale sulla vitamina D, in programma a Firenze in questi giorni, di cui è coordinatore. L'evento vede riuniti oltre 30 tra i maggiori esperti mondiali di vitamina D.  

"Avere una bassa vitamina D potrebbe predisporre anche all'infezione da Sars-CoV-2, ma soprattutto a un'infezione grave, quindi a Covid-19 - sostiene Giustina - I dati in questo senso sono ancora in una fase di stabilizzazione, dobbiamo capire se questa bassa vitamina D è una causa o una concausa del Covid. Su questo punto la comunità scientifica sta lavorando, ma sono fiducioso che i dati che stiamo raccogliendo anche al San Raffaele siano importanti per poter dare una risposta così come sull'altro tema: dare la vitamina D prima di avere l'infezione o come terapia all'interno di uno schema terapeutico della malattia grave? La mia posizione è chiara: meglio intervenire prima che arrivi il problema, ma non escludo che la bassa vitamina D sia una concausa, un fattore predisponente a sviluppare il Covid nella forma grave, così come non escludo che anche l'utilizzo di vitamina D in un paziente più acuto possa trovare un ruolo. Gli studi finora pubblicati non sono del tutto univoci, ma dobbiamo capire come quando e perché dare la vitamina D. Credo che nel prossimo futuro avremo risposte anche in questo senso".  

Secondo l'esperto, anche i pazienti in sovrappeso sono a rischio di avere una bassa vitamina D. "I pazienti sovrappeso che vengono sottoposti a intervento chirurgico per ridurre l'obesità, tecnica oggi sempre più frequente e sempre più efficace soprattutto nei centri di eccellenza - sottolinea Giustina - sono a rischio di avere un peggioramento di questo stato di carenza di vitamina D". Quindi "è fondamentale che i chirurghi e gli specialisti che si occupano di obesità diano le giuste indicazioni per proteggere i pazienti prima e dopo l'intervento chirurgico che ha grandi effetti positivi sul peso e sul metabolismo, ma che determina spesso dei malassorbimenti con i quali dobbiamo fare i conti per la qualità di vita dei pazienti anche molti anni dopo l'intervento".  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.