Antibiotici nel cibo, Bassetti: "Uso spropositato in carne e pesce"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
07
Mer, Dic

Antibiotici nel cibo, Bassetti: "Uso spropositato in carne e pesce"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Un "uso spropositato" di antibiotici negli allevamenti, e quindi nella carne e nel pesce che finiscono nei nostri piatti, rischia di aggravare l'emergenza dei super batteri resistenti ai farmaci e la minaccia che i superbug rappresentano per la salute umana. Perché "anche se in Italia si sta facendo uno sforzo enorme per

usare bene gli antibiotici, se poi proviene dall'estero il 70% della carne consumata nel nostro Paese per quanto riguarda ovini e caprini, il 40-50% per i bovini e il 35-40% per i suini, evidentemente il problema rimane e va affrontato a livello globale". Lo sottolinea all'Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Matteo di Pavia, in occasione della Settimana mondiale contro l'antimicrobico-resistenza e alla luce delle polemiche scoppiate negli Usa dove diverse catene sono sotto accusa per l'impiego eccessivo di antibiotici da parte degli allevatori dai quali si riforniscono. 

Occhio all'import, è il messaggio dell'infettivologo. Perché "noi possiamo anche avere la legislazione migliore del mondo - ragiona - ma se poi la carne la importiamo da Paesi extraeuropei, o anche europei che magari seguono o meno le regole che ci imponiamo in casa, è naturale che il problema resta e rischia pure di peggiorare". Il monito di Bassetti non riguarda soltanto la carne. "Non parliamo della 'fattoria' dei pesci - incalza - In certa industria ittica c'è un uso mostruoso di antibiotici, assolutamente poco controllato. Per il salmone o anche in altri allevamenti l'utilizzo è impressionante, quasi 10 volte maggiore di quello che si osserva ad esempio per i maiali. Anche per far crescere i gamberi si usano quantità enormi di antibiotici, quindi dobbiamo fare molta attenzione a quello che importiamo dall'India e da tutto il Sudest asiatico. E globalmente - ripete l'esperto - è necessario lavorare nella stessa direzione". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.