PIACENZA, il liceo San Benedetto prima scuola senza cellulare
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Mar, Ago
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

PIACENZA, il liceo San Benedetto prima scuola senza cellulare

PIACENZA, il liceo San Benedetto prima scuola senza cellulare

Arte e Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

In una tasca schermata e sigillata, anche durante ricreazione

PIACENZA, il liceo San Benedetto prima scuola senza cellulare
PIACENZA, il liceo San Benedetto prima scuola senza cellulare

 

PIACENZA, 14 SET - Sarà il liceo San Benedetto di Piacenza la prima scuola in Italia che si doterà di un sistema per impedire agli studenti l'uso del cellulare durante le lezioni, ricreazione compresa. Si tratta di un innovativo sistema americano statunitense che si chiama Yondr. E' una speciale tasca in grado di schermare totalmente gli smartphone e ad ogni studente ne verrà consegnata una, che poi potrà tenere tranquillamente con sé: la tasca sarà sigillata con un sistema di chiusura brevettato che può essere aperto solo tramite una base di sbloccaggio in possesso degli insegnanti che, alla fine delle lezioni, provvederanno così a far tornare gli alunni in possesso dell'uso del loro telefonino. (ANSA)

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook