Il Doodle di Google dedicato a Cesária Évora, scopri la storia cantante
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Sab, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Il Doodle di Google dedicato a Cesária Évora, scopri la storia cantante

Il Doodle di Google dedicato a Cesária Évora, scopri la storia cantante

Arte e Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Cesária Évora potrebbe essere un nome non conosciutissimo tra i non esperti della musica ma è stata per il suo paese, Capo Verde, e più in generale per il mondo un vero e proprio simbolo.

Il Doodle di Google dedicato a Cesária Évora, scopri la storia cantante
Il Doodle di Google dedicato a Cesária Évora, scopri la storia cantante

 

Per celebrarla oggi, 27 Agosto, Gooogle le ha dedicato un Doodle per ricordarne la grandezza.

Cesária Évora: scopri la storia cantante a cui Google ha dedicato Doodle

Nata a Mindelo, a Capo Verde, la cantante è considerata la regina della morna, un genere tipico africano, che mescola percussioni locali con il fado portoghese, i canti di mare britannici e le sonorità brasiliane. Al successo, è arrivata solo a cinquant'anni.

VIDEO: Cesaria Evora - Petit pays (Official Video)


Cesária Évora, che nel doodle di Google è ritratta con i propri ori indosso, le collane lunghe e i bracciali spessi, non ha avuto vita facile.

Nell’isoletta di São Vicente, al largo delle acque africane, la donna è cresciuta sola, abbandonata da una madre incapace, per povertà e destino, di allevarla in modo proprio. A sette anni, Cesária Évora ha perso il padre. Poco dopo, dalla madre ormai vedova è stata rifilata ad un orfanotrofio. E lì ha imparato a cantare il proprio dolore.


Quella piccola bambina con i capelli tirati all’indietro, seduta tra le fila del coro, ha scoperto di possedere una voce senza pari. Una voce che, nella sua isola, le avrebbe portato l’epiteto di «regina della morna». Cesária Évora, infatti, non cantava le canzoni belle dell’Europa, né si esibiva sulle note modaiole dell’America che fu. Cesária Évora cantava la propria tradizione, quell’insieme di percussioni africane e fado portoghese, di ritmi brasiliani e canti di mare britannici cui è stato dato nome di «morna». Ne era l’interprete migliore, Cesária Évora. Ma della propria passione, della propria bravura non riuscì a fare un lavoro.


La donna, negli anni della sua giovinezza, ha provato a imbarcarsi sulle navi da crociera, a cantare nei bar e nelle piazze. Ma lo stipendio era da fame: nulla che le consentisse di vivere una vita dignitosa e proficua. Così, arresa ad una realtà che le è sempre stata dura, Cesária Évora ha deciso di ritirarsi. È stato solo a cinquant’anni che, sbarcata in Europa, ha avuto la possibilità di incidere i propri pezzi, raggiungendo la fama (soprattutto) in Francia e in Portogallo.

Cesária Évora, da allora, è diventata una star. Una star a piedi nudi, ché di infilarsi le scarpe, sul palcoscenico, non ha mai voluto saperne. Il primo disco, La Diva Aux Pieds Nus, è datato 1988. Nel 1992, con Miss Perfumado, ha potuto sperimentare un primo successo. Tre anni più tardi, con Cesária, è irrotta nelle classifiche internazionali. Prima, la nomination ai Grammy Awards, poi la tournée negli Stati Uniti, infine i duetti, (anche) con Gianni Morandi e Ron. Nel 2003, dopo aver vinto un Grammy con l’album Voz d’Amor, si è ritirata dalla musica. Un’insufficienza cardiorespiratoria le ha portato via la salute, poi la vita, terminata sull’isoletta che l’ha vista nascere, là dove tutto ha avuto inizio, nel dicembre 2011. 

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook