Le sfide dell'Occidente in 'Rompere l'assedio' di Roberto Arditti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Sab, Giu

Le sfide dell'Occidente in 'Rompere l'assedio' di Roberto Arditti

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Gli italiani diminuiscono di anno in anno. La popolazione residente è in calo costante e nel 2023 - anno in cui si sono registrate soltanto 379mila nascite - la popolazione è scesa sotto i 59 milioni di abitanti. Il cosiddetto inverno demografico pesa come un macigno sul futuro del Paese. Occorre invertire la rotta

perché "la situazione non può reggere". Una sfida per l'Italia e, più in generale per l'Europa, sulla quale il giornalista Roberto Arditti si interroga nel primo capitolo del suo saggio 'Rompere l'assedio. L'Occidente si salva solo se capisce le vere sfide del nostro tempo', pubblicato da Paesi Edizioni. La questione demografica, in Italia e non solo, rappresenta il primo grande tema sul quale il giornalista riflette. "Rimane lampante - sostiene - come un pacchetto di aiuti è strumento inevitabile, persino doveroso, per ogni governo, indipendentemente dall'appartenenza politica di chi è al potere".  

L'Occidente, però, oltre alla sfida demografica, deve fare i conti con altri due importanti fronti aperti, quello delle armi e quello della politica. "E' arrivato il momento di dire le cose come stanno. La corsa alle armi - osserva Arditti - è, innanzitutto, un progetto di controllo della situazione interna e di proiezione di potenza all'esterno delle numerose autocrazie del mondo che hanno capito un concetto molto semplice: meglio investire miliardi nella repressione e nell'organizzazione militare dell'uso della forza anziché indire libere elezioni".  

Un punto essenziale, questo, alla luce della guerra in Ucraina sferrata dalla Russia e della corsa agli armamenti messa in atto da numerosi Paesi nel mondo. Non a caso un capitolo del saggio è intitolato 'L'esercito del Modi' e un altro 'I tamburi di guerra degli Ayatollah'. 

"Abbiamo consapevolezza della reale complessità della sfida che abbiamo di fronte? Conosciamo - si chiede Arditti - le forze che stanno cambiando lo scenario internazionale con una rapidità mai vista nella storia? Sappiamo, almeno nei tratti essenziali, quali sono i fattori decisivi di una scontro su più livelli che prefigura un secolo assai diverso da quello che avevamo immaginato?". Domande che aprono la strada a un'osservazione che mette in evidenza, in fondo, i tanti problemi con cui l'Occidente deve misurarsi in questa fase storica. "La verità - afferma infatti Arditti - è che il quadro non è chiaro nemmeno per gli esperti che spesso riescono a ragionare con lucidità solo per il proprio settore di conoscenza. Ancor meno puntuale è, spesso, la capacità delle classi dirigenti di avere una visione completa o, quantomeno, sufficientemente articolata". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.