Mattarella, 'per superare la crisi sognare col cinema'. Vincono Bellocchio, Favino e Trinca
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Dom, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Mattarella, 'per superare la crisi sognare col cinema'. Vincono Bellocchio, Favino e Trinca

Mattarella, 'per superare la crisi sognare col cinema'. Vincono Bellocchio, Favino e Trinca

Arte e Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Lettera del presidente per la 65ma edizione David di Donatello: "Il cinema è l'arte del sogno'. Valeria Golino e Luigi Lo Cascio migliori attori non protagonisti

Mattarella, 'per superare la crisi sognare col cinema'. Vincono Bellocchio, Favino e Trinca
Mattarella, 'per superare la crisi sognare col cinema'. Vincono Bellocchio, Favino e Trinca

 

"Il cinema - come tanti grandi maestri italiani ci hanno insegnato - è l'arte del sogno. Un sogno che si realizza ogni volta, concretamente, con la collaborazione di tutta una filiera di professionalità - attori, registi, tecnici, sceneggiatori, pittori, scenografi, costumisti, musicisti e tanti altri - e che genera, a livello industriale, un notevole e importante indotto. Per ricostruire il nostro Paese dopo la drammatica epidemia sarà necessario recuperare ispirazioni e, quindi, tornare a sognare e a far sognare" così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella stasera nella lettera a Piera Detassis, presidente dell'Accademia del cinema Premi David di Donatello, letta su Rai1 da Carlo Conti a inizio cerimonia di premiazione della 65ma edizione dei Premi David di Donatello.

Pier Francesco Favino ha vinto il David di Donatello come migliore attore protagonista per Il Traditore di Marco Bellocchio. mentre Jasmine Trinca è la migliore attrice protagonista per La Dea Fortuna di Ferzan Ozpetek ai David di Donatello. "Non vediamo l'ora di tornare, sono sicuro che chi deve fare in modo che accada si sta impegnando", ha detto Favino ricevendo il premio che ha dedicato a Stella Favino, "mia mamma". Durante il collegamento la moglie dell'attore, l'attrice Anna Ferzetti ha abbracciato il marito. Favino ha sottolineato l'orgoglio di appartenere alla categoria dello spettacolo. Marco Bellocchio per il film Il Traditore ha vinto il David di Donatello per la Migliore regia.

Valeria Golino è la vincitrice del premio come migliore attrice non protagonista (per 5 è il numero perfetto) ai David di Donatello su Rai1 con Carlo Conti. "Lo dedico all'Italia a tutti noi". Migliore attore non protagonista ai David di Donatello è Luigi Lo Cascio per Il Traditore di Marco Bellocchio

Phaim Bhuiyan è il vincitore del David di Donatello per Bangla come regista esordiente. Il giovane autore di 24 anni ha dedicato il premio ai ragazzi come lui di seconda generazione. Il film, da lui stesso interpretato, racconta di un giovane musulmano di origini bengalesi che vive con la sua famiglia a Torpignattara, quartiere multietnico di Roma.

"Mi sto impegnando 24 ore al giorno per il cinema" ha detto il ministro Dario Franceschini intervenendo da casa in smoking alla serata di premiazione dei David di Donatello in diretta su Rai1 condotta da Carlo Conti. Il ministro ha ricordato "l'impegno per gli ammortizzatori sociali per tutto il mondo dello spettacolo, ammortizzatori che non c'erano, perché non lasciare indietro nessuno". Franceschini non ha annunciato date di riapertura delle sale, "non lo decidiamo solo noi, ma dal Comitato tecnico scientifico oggi ci hanno detto che possono riaprire in sicurezza. Lunedì incontrerò il mondo del cinema". Franceschini ha detto "abbiamo davanti l'estate, le piazze sono grandi arene in cui le misure di sicurezza sono più facili da applicare. E poi bisogna far ripartire la grande industria del cinema italiano". (ANSA)

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook