Lopalco: "Piano scuola? Meglio più opzioni"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Ven, Lug
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Lopalco: "Piano scuola? Meglio più opzioni"

Lopalco: "Piano scuola? Meglio più opzioni"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Oggi nessuno può prevedere cosa accadrà a settembre e ottobre". Per il piano scuola, quindi, "sarebbe stato meglio prevedere più opzioni, basate sui diversi scenari.

Lopalco:
Lopalco: "Piano scuola? Meglio più opzioni"

 

A partire da quello più drammatico, di una seconda ondata, e quindi di chiusura, fino a quello più roseo di una completa normalità e quindi di ripartenza totale". A dirlo Pier Luigi Lopalco, docente di Igiene all'Università di Pisa, commentando le linee guida del Governo per la ripresa delle attività scolastiche.  

"La valutazione della eventuale efficacia di queste misure - ha detto Lopalco all'Adnkronos Salute - è basata al momento solo su ipotesi, perché oggettivamente non sappiamo cosa succederà a settembre. Qualunque tipo di misura di prevenzione, infatti, deve essere rapportata alla valutazione del rischio. In questo caso la circolazione del virus in quel momento. Ed è un dato di cui non disponiamo".  

Dobbiamo quindi essere consapevoli del fatto che, dice l'esperto, "quello che oggi stiamo mettendo nero su bianco potrebbe non valere tra due mesi". Per Lopalco "più che linee guida su cosa bisognerà fare" il 14 settembre "avrei preferito vedere un piano di preparazione, ovvero si sarebbe dovuto indicare 'cosa si dovrebbe fare in caso che...' perché tutto dipenderà dagli scenari". E tutto si deve parametrare al rischio, "per questo non avrei prefigurato un'unica prescrizione, perché ci potremmo trovare nell'enorme imbarazzo di aver fatto un caos di polemiche adesso sul metro di distanza e poi ritrovarci a settembre a dover cambiare tutto perché lo scenario è cambiato" . 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook