Scuola, Richeldi: "Temperatura va misurata a casa"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Sab, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Scuola, Richeldi: "Temperatura va misurata a casa"

Scuola, Richeldi: "Temperatura va misurata a casa"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Lavori scientifici da tutto il mondo lo dimostrano: la mascherina 'reciproca' (ovvero indossata da tutti i soggetti) abbatte la trasmissione del coronavirus.

Scuola, Richeldi:
Scuola, Richeldi: "Temperatura va misurata a casa"

 

Nei casi in cui non è possibile mantenere distanziamento, la mascherina è indispensabile". Così Luca Richeldi, primario di Pneumologia della Fondazione policlinico Gemelli Irccs di Roma e componente del Comitato tecnico-scientifico sul coronavirus ospite questa mattina a 'Omnibus' su La7. "Per quanto riguarda le classi scolastiche, i banchi singoli e distanziati dovrebbe ridurre il contagio. Queste misure dovranno essere messe in atto per la stagione autunnale, per affrontare il momento critico".

"In questo momento la misurazione a casa della temperatura da parte dei genitori per i bambini è la misura più razionale: consente un arrivo in classe più semplice e ordinato, senza assembramenti, e dà ai genitori una responsabilità relativamente semplice", dichiara Richeldi.

"Il bambino con la febbre, a prescindere dal Covid, non dovrebbe andare in classe; è comunque una responsabilità dei genitori quella di tenerlo a casa per non esporre lui o i compagni a contagi". Per quanto riguarda le critiche relative alla diversità dei termometri delle famiglie italiane, Richeldi risponde: "Anche le scuole hanno una situazione eterogenea, non è assicurato che ci siano gli stessi termometri in tutte le strutture: come Cts abbiamo considerato l'opzione più razionale e meno rischiosa. Dobbiamo ripartire con migliori condizioni, è quello della misurazione a casa è un compromesso tra fattibilità e sicurezza".

"Le strutture sanitarie sono state rafforzate: il policlinico Gemelli ha ora un Covid hospital attivo che non aveva in un primo momento" rasicura il professor Richeldi "sono aumentati posti letto in terapia intensiva e sub-intensiva su tutto il territorio nazionale e soprattutto sappiamo meglio cosa abbiamo davanti. Tuttavia l'autunno e l'inverno sono sempre momenti di pressione sulle strutture sanitarie, in primis a causa del virus influenzale". "É stato abbassato il limite d'età per vaccino influenzale gratuito da 65 a 60 anni ed è stato raccomandato dal ministero della Salute anche per i bambini: l'attività di sensibilizzazione è partita in anticipo, già da giugno", dichiara Richeldi. "Vaccinarsi significa non solo proteggersi da influenza ma contribuire a mantenere poco sotto pressione le strutture sanitarie", conclude.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook