''Io sono Medea'', in scena a Roma al 'Teatro di Documenti' sabato 17 e domenica 18 ottobre - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Mar, Set

''Io sono Medea'', in scena a Roma al 'Teatro di Documenti' sabato 17 e domenica 18 ottobre

''Io sono Medea'', in scena a Roma al 'Teatro di Documenti' sabato 17 e domenica 18 ottobre

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Di tutte le creature che hanno anima e cervello, noi donne siamo le più infelici; per prima cosa dobbiamo, a peso d’oro, comprarci un marito, che diventa padrone del nostro corpo - e questo è il male peggiore... Quando si stanca di stare a casa, l’uomo può andarsene fuori e vincere la noia... noi donne invece dobbiamo restare sempre con la stessa persona”.

''Io sono Medea'', in scena al Teatro di Documenti sabato 17 ottobre
''Io sono Medea'', in scena a Roma al 'Teatro di Documenti' sabato 17 e domenica 18 ottobre

 

Tutti conosciamo Medea come la donna passionaria e invincibile, da sempre il suo personaggio fa discutere perché esprime i lati più bui, sommersi e nascosti della nostra personalità; un personaggio controverso, che non smetterà mai di affascinarci e nello stesso tempo di ripugnarci.

Io sono Medea, in scena al Teatro di Documenti sabato 17 ottobre alle ore 20.45 e domenica 18 ottobre (ore 18.00 e 20.45) mette in risalto un lato del tutto nuovo di Medea, il grido di una Donna che invoca Giustizia contro il Potere. Il grido di una Donna che racconta la sua verità. E che ritorna fra noi mortali finché non sarà ascoltata.

La regia è asciutta e scarna come asciutto è il testo di Roberta Gasparetti, "Io sono medea" è un viaggio nei sentimenti di un personaggio combattuto amplificati dall'utilizzo della musica di Ludovico Einaudi e dai video realizzati per dare un volto al Coro e ai personaggi della Storia.

Regia e video: Fabio Luigi Lionello