Sanremo, Codacons: "Fare chiarezza su cachet ospiti e moglie Amadeus" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Gio, Ott

Sanremo, Codacons: "Fare chiarezza su cachet ospiti e moglie Amadeus"

Sanremo, Codacons: "Fare chiarezza su cachet ospiti e moglie Amadeus"

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Sui compensi che percepiranno gli ospiti del prossimo Festival di Saremo e sulla scelta Rai di affidare la conduzione di PrimaFestival alla moglie di Amadeus, dovrà fare chiarezza la Corte dei Conti".

alternate text

 

Lo afferma il Codacons che ha presentato un esposto alla magistratura contabile dopo quanto emerso sulla stampa circa i cachet riconosciuti dalla Rai ad alcuni personaggi che prenderanno parte all’evento televisivo. 

"In base alle cifre circolate nelle ultime ore, il calciatore Zlatan Ibrahimovic percepirebbe 50mila euro a serata, per un totale di 250mila euro -spiega il Codacons- Lo stesso cachet sarebbe riconosciuto a Fiorello, mentre a Elodie, che parteciperà ad una sola serata, andrebbero 25mila euro. Non si conoscono al momento i cachet previsti per gli altri ospiti, ma è evidente che la Rai sembri non badare a spese quando si tratta di Sanremo". 

C’è poi la questione della conduzione del PrimaFestival, che la Rai ha assegnato alla moglie di Amadeus, Giovanna Civitillo, "altra questione sulla quale la Corte dei Conti dovrà fare chiarezza", sottolinea il Codacons. "Ricordiamo che i compensi che la Rai riconosce agli ospiti del Festival sono soldi dei cittadini, versati alla rete attraverso il canone - afferma il presidente Carlo Rienzi- Riteniamo pertanto doveroso una verifica della congruità di tali spese, nell’interesse della collettività che finanzia l’intera macchina di Sanremo”.