Rai prepara causa a Mediaset per servizi Striscia - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Lun, Set

Rai prepara causa a Mediaset per servizi Striscia

Rai prepara causa a Mediaset per servizi Striscia

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Rai contro Mediaset. La tv pubblica, a quanto apprende l’Adnkronos, sta preparando tutte le carte per fare causa a Mediaset dopo i numerosi servizi di Striscia la Notizia e in particolare di ‘Rai Scoglio 24’, spazio satirico diretto da Pinuccio (Alessio Giannone), dedicati alle sedi estere del servizio pubblico.

Servizi in cui ‘Pinuccio’ punta il dito contro "le spese pazze" delle sedi estere Rai e, per quanto riguarda la sede di New York in particolare, parla di "tre appartamenti per gli inviati", come se fosse l’azienda Rai a pagarne le spese. In sostanza questa, come altre affermazione del tg satirico, risultano secondo viale Mazzini, non corrispondenti al vero e per tale ragione la Rai con i suoi uffici legali sta predisponendo un’azione legale in linea anche con la richiesta degli stessi corrispondenti d’intesa con l’Usigrai che hanno chiesto all’azienda di smetterla con un silenzio che considerano "riprovevole".
A quanto risulta all’Adnkronos, infatti, è proprio di questa mattina una mail inviata dal fiduciario dei corrispondenti, in accordo con l’Usigrai, all’amministratore delegato della Rai e al Dg, nella quale i corrispondenti stessi chiedono all’azienda di smentire le notizie destituite di fondamento e tutelare l’immagine dei dipendenti e, quindi, anche dell’azienda Rai in ogni sede, pronti, in caso contrario, a farlo da soli (“Se il silenzio dei vertici aziendali dovesse proseguire i corrispondenti valuteranno ulteriori passi anche legali per ottenere il rispetto dei propri diritti", si legge nella missiva). Un segnale in questo senso è già arrivato da uno dei corrispondenti da New York, Claudio Pagliara, che ieri su Twitter ha annunciato di aver dato mandato ai propri legali.