Orietta Berti trasforma i Maneskin in Naziskin, la gaffe è servita - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Ven, Mag

Orietta Berti trasforma i Maneskin in Naziskin, la gaffe è servita

Arte e Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Mi piacerebbe cantare con i Naziskin". Orietta Berti modifica 'lievemente' il nome dei Maneskin e la gaffe è servita. Nel corso di una diretta social con il magazine Le Rane, la cantente confessa che le piacerebbe duettare con "Ermal Metal", con una 'elle' di troppo "e con i Naziskin". Ovviamente, la veterana del festival della canzone italiana intende dire Maneskin, ma la confusione non sfugge all'occhio di lince del web, che non perde l'occasione d'oro: in poche ore spunta un florilegio di meme, fotomontaggi, video e vignette che ironizzano sulla clamorosa gaffe. 

E così, ecco Orietta comparire sorridente ad un rave di nerboruti tatuati con il braccio alzato, salire su un palco metal e abbracciare il cantante, o fare addominali mostrando pettorali e svastica tatuata sul petto. Per finire, l'artista emiliana sale persino sul palco ad un concerto di Capodanno ed eccola cantare, al posto di 'Finché la barca va...', un pezzo heavy metal. Niente male, per un'artista che quest'anno compirà 77 anni, e riesce ancora e sempre a far parlare di sé.