Covid, Banfi: "Nonni vaccinati diano segnale, tutti al cinema dal 26 aprile" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
12
Mer, Mag

Covid, Banfi: "Nonni vaccinati diano segnale, tutti al cinema dal 26 aprile"

Arte e Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Quello di tornare al cinema dal 26 aprile è un segnale forte che bisogna dare: quello del nonno che, vaccinato, torna in sala per dare un segnale di ripartenza. Io non solo ci andrò, io scapperò a vedere un film, non vedo proprio l'ora di tornare al cinema, e faccio un appello a tutti". A dirlo all'Adnkronos è Lino Banfi, che, in vista della riapertura delle sale cinematografiche a partire dal 26 aprile nel nostro paese, ci tiene ad esortare i suoi coetanei ad andare al cinema, potendolo fare in tre importanti vesti: quella di 'nonno' più famoso d'Italia, quella di attore popolare ed amato da tutte le generazioni e quella di vaccinato.  

E sulle nuove generazioni "è importante che noi anziani facciamo un appello anche ai giovani -aggiunge Banfi- Andate al cinema, tornate al cinema a ripopolare queste sale vuote". Anche perché, aggiunge l'attore pugliese, "c'è la gioia di vedere finalmente la maschera e non la mascherina". Banfi aggiunge poi, a supporto di ciò, una considerazione sulle misure di sicurezza all'interno delle sale: "Ora hanno creato un distanziamento di due posti per ogni persona, ovvero ognuno sarà padrone di due braccioli. Finora si doveva dividere il bracciolo con la persona di fianco e spesso, anche per educazione, eri costretto a tenere il braccio scomodo e vicino al corpo, intorno alla vita. L'altro faceva la stessa cosa e il bracciolo restava vuoto. Quindi, ora che si sta anche più comodi, tornate al cinema!", conclude scherzosamente l'attore.