Fedez e 1 maggio, Usigrai: "Inquietante invito ad adeguarsi a sistema" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Lun, Ott

Fedez e 1 maggio, Usigrai: "Inquietante invito ad adeguarsi a sistema"

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"E' stato inquietante ascoltare l'invito rivolto a Fedez ad adeguarsi a un sistema. In Rai non ci deve essere alcun sistema ed anzi, poiché la Rai è nostra, di tutti noi cittadini, lancio questa iniziativa: #lanostrarai. In queste ore si è tanto parlato del ruolo dei social, quindi immagino un'iniziativa che parta dal basso e attraverso la quale tutti coloro che tengono alla Rai Servizio Pubblico dicano cosa vogliono e come vogliono #lanostrarai". Il segretario dell'Usigrai, Vittorio Di Trapani, condivide con l'Adnkronos la sua idea a due giorni dal Concertone segnato dalla polemica tra Fedez e la Rai.  

Fedez e 1 maggio, Usigrai: "Inquietante invito ad adeguarsi a sistema"

 

"Tutto questo è ancor più importante - fa notare Di Trapani - in questi giorni in cui partiti e governo sono chiamati a scegliere il nuovo vertice di Viale Mazzini. #lanostrarai è, quindi, l'invito a ripartire dagli obiettivi e dalla missione della Rai e non dai nomi che devono occupare delle poltrone secondo la solita logica lottizzatoria. E, questo, calendarizzando urgentemente i disegni di legge di riforma della Rai".