Fotografia, nasce il Premio dedicato a Bob Krieger - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Dom, Giu

Fotografia, nasce il Premio dedicato a Bob Krieger

Arte e Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nasce il Krieger Portrait & Fashion Photography Award, primo premio internazionale riservato alla fotografia di moda e al ritratto dedicato alla memoria del grande fotografo Bob Krieger nell’anniversario della sua scomparsa, avvenuta il 7 maggio 2020. Ad annunciarlo è Maria Grazia Vernuccio, sua collaboratrice, curatrice delle sue mostre e amica.

 alternate text

 

Nasce il Krieger Portrait & Fashion Photography Award, primo premio internazionale riservato alla fotografia di moda e al ritratto dedicato alla memoria del grande fotografo Bob Krieger nell’anniversario della sua scomparsa, avvenuta il 7 maggio 2020. Ad annunciarlo è Maria Grazia Vernuccio, sua collaboratrice, curatrice delle sue mostre e amica.

“Bob ha segnato un’epoca nella fotografia, sia per la moda che per il ritratto – spiega l’ideatrice del Premio - Questo progetto vuole mantenere vivo il suo ricordo, perché la memoria ci dice cosa stiamo stati e ci arricchisce non solo culturalmente, ma anche umanamente. Krieger è stato un maestro assoluto della fotografia di moda e del ritratto, riconosciuto come uno dei più grandi al mondo. E questa iniziativa si rivolge a giovani e professionisti di queste due categorie che potranno concorrere inviando i propri lavori”. A decretare i vincitori una giuria internazionale, ma i dettagli saranno annunciati durante la presentazione ufficiale la cui data sarà resa nota prossimamente.

Le sue foto straordinarie, pubblicate dalle più prestigiose riviste internazionali dal New York Times a Vogue America, dal Time (con tre copertine una delle quali per Giorgio Armani) ad Harper’s Bazaar, hanno raccontato 40 anni di storia. Con Giorgio Armani, Gianfranco Ferrè, Missoni, Valentino, Versace, Laura Biagiotti, Gucci, Fendi, Ferragamo, Dolce & Gabbana, Etro, Moschino, Trussardi, Walter Albini, Luciano Soprani, Emilio Pucci, Challagan, Hugo Boss, Calvin Klein, ha raccontato la moda con eleganza e un tocco che ha sempre reso riconoscibile i suoi scatti. Quello che poi ha tramutato nel ritratto. Davanti a lui ha posato il ghota mondiale del cinema, dell’industria, della politica, dello sport, dello spettacolo, della scienza, della cultura, del giornalismo. Bill Gates, Gianni Agnelli, Rita Levi Montalcini, Indro Montanelli, George Bush, Giorgio Armani, Gianni Versace, Monica Bellucci, Charlotte Rampling e tanti altri. Aveva la capacità di cogliere l’attimo e di entrare nell’intimo di ogni persona, di svelare in una fotografia l’anima di ogni personaggio. Tutti volevano un ritratto da Bob Krieger e negli ultimi anni della sua attività questa era diventata la sua più grande passione.