La Domenica, nella purezza delle cose - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Mar, Giu

La Domenica, nella purezza delle cose

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

La Domenica è fatta per concentrarsi su tutto ciò che gli altri giorni ci sfugge. Sulla luce profonda che alberga nelle cose. La domenica è il giorno del riposo ma non per le attività dello spirito.

Natura morta di Giorgio Morandi

Natura morta di Giorgio Morandi

 

È la domenica, il giorno della casa in cui si fa ritorno alla dimensione sacra di partenza che ci fa essere figli del Cielo. Questo è un punto fermo che non dovremmo dimenticare ancora di più oggi che è in atto un terribile stravolgimento dei valori.
Per gli animali è sempre domenica perché loro non escono mai dal recinto della loro individuale indole. E così, capita di domenica che le cose emergano nella loro scintillante purezza, non contaminate dal lussurioso pensiero che fa dipendere dall'uomo ogni realtà costituita. Costituita e non precostituita, ossia determinata o realizzata dall'uomo e non dalle forze divine. Capita allora che spontaneo, con il corpo a riposo, emerga il significato dei prodotti artigianali, nella loro storia spesso da noi dimenticata. Abbiamo imparato nell'era moderna a considerare ogni oggetto o alimento un elemento a se stante slegato da tutto e dai suoi simili. Come le persone anche il pane ad esempio è considerato un pezzo singolo sganciato dagli altri, e questo lo ha difatti annullato.

Esiste la collettività costituita di elementi simili che viene eliminata nell'utilizzo di un nome generico che è di fatto indicativo dell'unicità in sé che fa la storia e pertanto ha un'anima. Il pane e non i pani. Il pane è sacro perché nel suo singolare è una stirpe sacra vera e propria che lo particolarizza fra tutti gli altri elementi. Così il latte e il vino. Sono cibi che hanno sviluppato un'anima nel loro percorso fino ad oggi. Un'anima sovrana e assoluta che trasmettono all'uomo. Esiste il panificatore ed esiste il pane. Nonostante l'anima del panificatore che abbraccia e rimane come un'orma impressa sul suo sfornato, il pane ha un'anima sua che potremmo definire trascendente e che ha sedimentato una vera e propria tradizione. Non dimentichiamo riflettendo su questo che la tradizione non è solo un annovero di sterili usanze e costumi. La tradizione è permanenza di un corredo di rituali preesistenti a noi e che noi umani abbiamo il sacrosanto dovere di salvaguardare e di tramandare. La tradizione è di una famiglia o di un popolo che ha una sua spiritualità e allora, in questa luce, tutto ha un'anima e a noi il dovere di apprenderla.

La domenica diviene spunto per riflettere sull'anima delle cose che sta a noi rispettare e con cui sta a noi entrare in relazione per completarci, per imbrattarci di cielo e poi della sovranità della terra, sovranità per l'aver conferito alle ali oltre alla leggerezza quella concretezza che ci rende discepoli dell'Altissimo.