Mostre, Sorrento riparte dal mare - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Sab, Lug

Mostre, Sorrento riparte dal mare

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sorrento riparte dal mare e dell'arte contemporanea. Il 28 maggio, nelle sale della celebre Villa Fiorentino, sul corso principale di Sorrento, si apre la mostra 'Il mare chiama chi ama il mare', una collettiva in cui artisti contemporanei delle più diverse estrazioni si cimentano in opere che al mare si ispirano o che dal mare sono nate.

Il 'Polpo 'mbuttunato' di Massimo Sepe
Il 'Polpo 'mbuttunato' di Massimo Sepe

 

Ideata dal poliedrico artista del vetro e del legno Massimo Sepe, che esporrà fra l'altro 'L'urlo di Poseidone', metafora del mare che si ribella all'inquinamento, la mostra ospiterà anche le opere di Isabel Lemaitre, pittrice belga che da tanti anni vive e dipinge la Penisola Sorrentina e che ha curato la parte grafica della mostra.

Folta la rappresentanza di artisti della Penisola, che dalla convivenza con il mare traggono continua ispirazione: i ceramisti Mariagrazia Manfredi, Raffaele Mellino, Alessandro Ottone e Antonio Schisano, il fotografo marino 'di superficie' Gianfranco Capodilupo (che è anche tra gli organizzatori dell'esposizione), il fotografo marino 'degli abissi' Marco Gargiulo, gli scultori Betty Surico e Brunello Sepe.

E ancora, saranno esposte opere della pittrice milanese Caterina Bilabini, del mosaicista piacentino Dino Maccini, del pittore napoletano Sergio Williams e del pittore piacentino Veniero. L'esposizione avrà una dimensione multisensoriale: la creatrice di profumi Olga Iossa coinvolgerà infatti anche l'olfatto dei visitatori. Sette fragranze create dalla Iossa e ispirate ognuna ad una delle Isole Eolie, verranno diffuse nelle sette stanze in cui sarà articolata la mostra. Ma i 'diffusori' dei profumi saranno a loro volta opere d'arte: sette degli artisti espositori si sono cimentati, ognuno con la propria tecnica e col proprio estro, nella realizzazione di vulcani e isole che ricordano l'arcipelago siciliano e al cui interno verranno celate le essenze che si diffonderanno nell'aria, donando ad ogni stanza della mostra un profumo diverso. Ma tutti ispirati all'immaginario marino. Tra le opere più suggestive, il grande 'Polpo mbuttunato' realizzato da Massimo Sepe in legno, con gli occhi in vetrofusione e bottoni colorati sui tentacoli al posto delle ventose (nella foto).

La mostra, ospitata a Villa Fiorentino (Corso Italia 53 - Sorrento) fino al 9 luglio, sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20, mentre sabato e domenica l'apertura serale si allungherà fino alle 21. Il biglietto d'ingresso, pari a 4 euro, è gratuito per i residenti della Penisola Sorrentina. L'ultimo ingresso sarà consentito mezz'ora prima dell'orario di chiusura.