Todi: la scrittrice Miriano, 'io cattolica sarò al festival, sinistra ha perso contatto con realtà' - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Ven, Lug

Todi: la scrittrice Miriano, 'io cattolica sarò al festival, sinistra ha perso contatto con realtà'

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Io non sono un'autrice sovranista, è un'etichetta che con me non c'entra niente. Ma seppure fosse un festival sovranista, quello di Todi, non vedo quale sia il problema. E' forse vietato?". Così Costanza Miriano, scrittrice e blogger che sarà ospite giovedì 17 a 'Todi Città del Libro', che, interpellata dal Primato nazionale sulle polemiche sollevate sul festival dall'Anpi, sottolinea: "La sinistra attacca il Festival di Todi perché da tempo ha perso il contatto con la realtà". E aggiunge: "Alla sinistra dico: tornate nel mondo reale, venite a Todi Città del Libro, a guardarci negli occhi, a parlare, senza etichette, senza odio ideologico, con i piedi per terra".

"Dopo tutto il male che c'è stato in questo anno e mezzo di pandemia, evitiamo di farci del male inutile - dice l'autrice di 'Niente di ciò che soffri andrà perduto' e di altri libri come 'Sposati e sii sottomessa', vero e proprio caso editoriale - Di accusarci inutilmente. E se qualcuno mi vuole definire di destra o sovranista, potrei anche arrabbiarmi e querelare. Mi sono stancata di queste etichette che la sinistra mette a chi non la pensa come loro. Non che ci sia qualcosa di sbagliato nell'essere sovranisti, sia chiaro. Semplicemente, io faccio altro, sono altro".

Miriano si definisce "una cattolica" e racconta di essere stata attaccata per i suoi libri sono "perché io dico che la donna è diversa dall'uomo. E già solo per questo sono bollata come fascista. Il problema a questo punto è il fascismo della sinistra, secondo me. Tutto quello che non aderisce alla loro narrazione di liberazione della donna è fascista".