'Gli Dei di Olimpia' di Valerio Iafrate, da Atene a Rio tra vincitori e vinti - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Sab, Lug

'Gli Dei di Olimpia' di Valerio Iafrate, da Atene a Rio tra vincitori e vinti

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Le Olimpiadi, i giochi capaci di fermare le guerre in tutto il mondo greco antico, sono le protagoniste del libro 'Gli Dei di Olimpia', appena uscito per la casa editrice Albatros, e scritto da Valerio Iafrate, giornalista, responsabile della comunicazione degli eventi sportivi Rai, che parte dai i primi giochi olimpici dell'era moderna ad Atene per arrivare, dopo ben 30 Olimpadi, con cadenza quadriennale, fino alla trentunesima, in Brasile.

alternate text

 

"Da Atene 1896 a Rio 2016, in centoventi anni, la storia olimpica ha vissuto un’alternanza di vittorie eclatanti e sconfitte fragorose, di imprese al limite delle possibilità umane e di cadute omeriche, di medaglie conquistate al primo tentativo e di allori inseguiti per anni senza fortuna. La storia olimpica, in questo senso - si legge nella quarta di copertina - è il paradigma della vita stessa, un alternarsi senza respiro di gioie e dolori, di lacrime e sorrisi. In una parola, di emozioni. Per cercare di condensare in un libro tutto questo la strada scelta da Valerio Iafrate è stata una sola: raccontare le storie al posto della Storia".

'"Gli Dei di Olimpia' è una raccolta di storie, un lungo filo di cinque colori - tanti quanti sono quelli dei Cerchi olimpici - che si snoda da Atene a Rio e che abbraccia vincitori e vinti, squadre e singoli atleti, eroi di un giorno solo e predestinati alla gloria. Quello stesso filo colorato che, ogni quattro anni, incrocia la vita di ogni appassionato di sport, e lo tiene stretto, per due settimane, con la stessa energia dei corridori, degli schermidori, dei nuotatori e dei cestisti. Per quindici giorni, ogni quattro anni, ognuno prova la stessa emozione, ognuno diventa un atleta, ognuno si trasforma in un 'dio' di Olimpia".