Franceschini: "Entro il 2023 completata l'arena al Colosseo" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Sab, Ott

Franceschini: "Entro il 2023 completata l'arena al Colosseo"

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Con le risorse di Tod's sono stati finanziati il restauro degli ipogei, l'esterno e il centro servizi; con le risorse pubbliche completeremo entro il 2023 l'arena e così il Colosseo tornerà come era prima della fine dell'Ottocento, un luogo che si potrà ammirare dal centro in tutto il suo splendore, mentre gli ipogei saranno visitati nei sotterranei.

alternate text

 

Sarà veramente un miglioramento e una qualificazione ulteriore della visita al Colosseo". E' quanto afferma il ministro della Cultura, Dario Franceschini, intervenendo al Colosseo alla presentazione del restauro degli ipogei.

"C'è stato un tempo in cui in Italia sembrava fosse inevitabile una contrapposizione fra pubblico e privato nella tutela del patrimonio culturale. Quando ho iniziato il mio mandato da ministro, l'operazione restauro del Colosseo con Tod's era già iniziata e io ero allibito e indignato - racconta Franceschini - nel vedere che il gesto di Della Valle anziché essere accolto da un'ovazione generale di riconoscimento aveva persino sollevato polemiche... In realtà, è giusto che ci sia invece una piena collaborazione".

Ora, osserva il ministro della Cultura, "sono cadute quelle barriere tardo-ideologiche che contrapponevano pubblico e privato. In questo caso, si tratta di un intervento importantissimo finanziato da una impresa italiana come la Tod's che ha dimostrato come sia importante che tutte le imprese ma in particolare le grandi imprese che esportano nel mondo anche grazie al nome dell'Italia, restituiscano al nostro Paese in interventi a tutela del patrimonio artistico e culturale, quanto ricevono dal nostro Paese in termini di immagine, bellezza artistica e ricchezza culturale".

Franceschini ricorda poi che "al centro del Colosseo, il 29 e 30 luglio, si svolgerà il G20 della cultura che inizierà i lavori con il presidente Mario Draghi: questo è uno dei simboli del Paese ed è importante che il recupero di questo simbolo dell'Italia avvenga anche con risorse private. L'Art Bonus, l'incentivo fiscale che abbiamo introdotto alla fine del 2014, ha portato oltre 500 milioni di euro in donazioni al patrimonio culturale da parte di privati e di imprese. è ancora poco, rispetto a quello che si potrebbe fare. L'invito è dunque a prendere esempio da Tod's per restituire all'Italia che - assicura Franceschini - ha sempre saputo dare il suo meglio nei momenti di difficoltà: questo è un momento di difficoltà e sono convinto che gli italiani daranno il loro meglio".

Diego Della Valle, presente alla conferenza nel Colosseo, sottolinea che "quando pubblico e privato hanno la voglia di fare le cose insieme, poi quelle cose si realizzano. Siamo in un momento delicato, da cui usciamo con tanto dolore ma anche con tanta voglia di fare e di ripartire, dandoci una mano l'uno con l'altro e mettendoci la tragedia alle spalle. Le grandi aziende rappresentative del Paese e di successo devono dare il loro contributo , devono esporsi e non attendere soltanto quello che farà lo Stato. Ora arrivano i fondi Ue gestiti bene da una classe politica che vediamo essere competente: abbiamo davanti alcuni mesi, per dare un svolta al nostro Paese", esorta il patron di Tod's.

Dal suo canto, Alfonsina Russo direttrice del Parco archeologico del Colosseo parla di "esempio di buone pratiche e di buoni frutti della collaborazione fra pubblico e privato, con il finanziamento del restauro degli ipogei avviato a dicembre del 2018 e terminato nel 2020 dopo circa due anni, con il collaudo effettuato lo scorso 7 giugno, impegnando 81 operatori per un totale di 55.000 ore pari a 7.000 giornate lavorative, nel segno della multidisciplinarietà. Restituiamo al pubblico gli ipogei che sono 'un monumento nel monumento', con 160 metri di passerella e 15 corridoi anulari, con 6 soste divulgative e 2 mappe tattili per ipo e non vedenti, dopo un lavoro complesso e importante".

(di Enzo Bonaiuto)