Esce 'Senti chi abbaia. Cosa direbbe il tuo cane se potesse parlare' - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Gio, Ott

Esce 'Senti chi abbaia. Cosa direbbe il tuo cane se potesse parlare'

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Compagnia, affetto, fedeltà: chi ha scelto di vivere con un cane sa quanto questo essere meraviglioso sia capace di donare. Una relazione unica e speciale che però necessita di essere coltivata ogni giorno secondo rituali e codici precisi. Perché ogni cane è diverso e ha differenti esigenze e passioni.

alternate text

 

La questione, semmai, è comprenderle. Per venire incontro a questa necessità, il 7 luglio esce per De Vecchi Editore il libro "Senti chi abbaia. Cosa direbbe il tuo cane se potesse parlare" di Sara De Cristofaro, educatore cinofilo con lunga esperienza nelle problematiche comportamentali dei cani, e Lauretana Satta, giornalista e blogger fondatrice del sito Dogdeliver, pagina web pensata per raccontare la straordinarietà dei cani.

Le due autrici, che naturalmente hanno anche avuto diverse esperienze (non sempre semplici) come proprietarie di cani, hanno letteralmente dato voce ai nostri amici pelosi, che raccontano in modo originale e divertente come si sentono, cosa gli piace, cosa non sopportano, quali luoghi amano e cosa potremmo fare per renderli ancora più felici. Tra ironia e dinamiche più serie e profonde, il libro conduce alla scoperta di aspetti inediti della lunga e straordinaria relazione tra essere umano e cane, fornendo un punto di vista diverso dal solito sulla loro vita. D'altronde, quante volte guardando negli occhi il nostro amico a quattro zampe abbiamo pensato che gli mancasse solo la parola? Ora ce l'ha.