Franceschini: "G20 approva all'unanimità la Dichiarazione di Roma' sulla Cultura" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Mer, Set

Franceschini: "G20 approva all'unanimità la Dichiarazione di Roma' sulla Cultura"

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La Dichiarazione di Roma, al termine del G20 Cultura, è stata approvata, all'unanimità". A darne l'annuncio ufficiale è il ministro della Cultura, Dario Franceschini, al termine dei lavori a palazzo Barberini.

alternate text

 

"Naturalmente - aggiunge - su 32 punti in 10 pagine, ci sono stati alcuni punti che hanno trovato più fatica a chiudere un'intesa, ma alla fine l'accordo è stato totale, dopo un lavoro di mesi. E' molto importante, perché attorno al tavolo del G20 siedono Paesi che ora o nel passato hanno posizioni talora molto distanti".

Franceschini si dice "convinto che sia un investimento sul futuro: il G20 Cultura sarà permanente e si parlerà per anni della Dichiarazione di Roma come unto di partenza di un percorso che pone l'accento sulle politiche internazionali. Il G20 nasce per essere un organo prevalentemente economico e quindi aver introdotto la cultura nell'agenda permanente del G20 vuol dire che si riconosce il valore economico, oltre che morale, degli investimenti culturali".

Osserva il ministro della Cultura: "Come sempre, anche le crisi più brutte, come quella che abbiamo attraversato per la pandemia del Covid, portano opportunità e credo che tutto il mondo, vedendo le città senza musica, senza cinema, senza teatri, senza musei, senza turisti, abbia capito quanto le città così siano più brutte e grigie... E' emersa una voglia di consumi culturali e tutti hanno capito cosa vuol dire, anche in termini di Pil. Quando sono diventato ministro della cultura - ricorda il titolare del Mic - ho detto che ero chiamato a guidare il ministero economico più importante del Paese: sembrava un'utopia ma è quello che poi si è dimostrato e finalmente la cultura con questo G20 si pone al centro delle scelte internazionali".

(di Enzo Bonaiuto)