Hypnos: "E' il momento di 'Wind Rose'" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mar, Set

Hypnos: "E' il momento di 'Wind Rose'"

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"In questo momento di annullamento del contatto tra uomini e donne, un'opera smarrita e ritrovata può ergersi ad inno all'amore, puro e ideale, che supera ogni passione carnale godendo solo della passione ideale".

alternate text

 

Lui è Hypnos. L'opera è 'Wind Rose', realizzata dal pittore romano negli anni 80 e rilanciata adesso come viatico per mandare un messaggio forte nel presente. "Oggi dedico Wind Rose alla donna ideale. In questo tempo - dice - serve un vento d'amore puro". "La rosa - osserva il critico Andrea De Liberis - può essere percepita come un meraviglioso simbolo dell’armonizzazione tra il saper dare e il saper ricevere. Questo equilibrio risulta da un movimento armonioso, da un’alleanza tra queste due componenti, movimento che costituisce una dinamica tra l’esteriore e l’interiore. Nella nostra vita quotidiana, naturalmente, noi non selezioniamo il 'saper dare' dal 'saper ricevere' (esempio: non c’è un’ora del 'saper dare' seguita da un’ora del 'saper ricevere')".

"La nostra psiche - sottolinea Hypnos - è costituita di energia maschile e di energia femminile. L’energia maschile rappresenta la nostra capacità di azione nel mondo fisico: pensare, parlare, muoversi, per esempio. Per l’uomo, come per la donna, è l’energia maschile che permette di agire: è l’emissività (la funzione emissiva), e il 'saper donare' partecipa a questo processo di emissività. L’energia femminile rappresenta la nostra parte più intuitiva, quella porta interiore che può aprirsi all’intelligenza suprema dell’universo. Per l’uomo, come per la donna, è la ricettività (la funzione ricettiva) e il 'saper ricevere' partecipa a questo processo di ricettività".

"Possiamo dire in modo schematico che il processo creativo si traduce così: l’aspetto femminile riceve l’energia creatrice universale e l’aspetto maschile la esprime nel mondo mediante l’azione; il tutto parte, ben inteso, della nostra alchimia mentale e spirituale", riassume Hypnos, maestro dell'informale.