Cultura, Fondazione Magna Grecia punta su artisti calabresi - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Mer, Set

Cultura, Fondazione Magna Grecia punta su artisti calabresi

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Durante il primo appuntamento del prequel del terzo International Annual Meeting SudeFuturi III - (R)innoviamo il Mezzogiorno che si è tenuto a piazza San Rocco il 27 e il 28 agosto, il presidente della Fondazione Magna Grecia Nino Foti ha sottolineato l’importanza del connubio turismo e cultura per il rilancio della Calabria e del Meridione,

Immagine

 

dichiarando che vuole puntare sugli artisti calabresi e la seconda parte della serata incentrata sul tema della sanità, durante la quale è stato premiato il virologo Robert Gallo, è stata dedicata interamente a loro.

Sul palcoscenico si sono alternati l’attrice Annalisa Insardà, che ha recitato due monologhi di teatro civile, con le cantanti Valentina Balistreri, parente della grande cantante folk Rosa Balistreri, e Marinella Rodà. Accompagnata dal chitarrista Massimo Garitano la prima, dalla propria band composta da Andrea Noce, Salvatore Gullace e Danilo Brancati la seconda, le due cantanti hanno eseguito dei brani insieme.

Tra i brani interpretati da Valentina Balistreri “Cu ti lu dissi” e i celeberrimi “Mi votu e mi rivotu” e “Mafia e parrini”, da Marinella Rodà “Calabria”, “U pisci spada” e “Ilio”. Gran finale, apprezzatissimo dal pubblico, con le due artiste che si sono esibite insieme cantando “Quandu amuri è” e “A virrinedda”.