Expo Dubai, Bonito Oliva: "David opera d'arte, no a censura, una forma di prudenza mondo arabo" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Dom, Ott

Expo Dubai, Bonito Oliva: "David opera d'arte, no a censura, una forma di prudenza mondo arabo"

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Il David è un'opera d'arte e non deve essere censurata. E' un'immagine dell'Italia. A Dubai hanno usato un escamotage, una forma di prudenza per venire incontro alla sensibilità di un continente che ha altri principi religiosi".

alternate text

 

E' quanto ha dichiarato all'Adnkronos il critico d'arte Achille Bonito Oliva commentando la scelta di esporre il grande capolavoro di Michelangelo all'Expo di Dubai in parte 'censurato' in alcune parti del corpo.

Ed ha aggiunto ancora Achille Bonito Oliva, celebrato in questi giorni da una mostra al Castello di Rivoli, 'Abo Theatron - L'Arte o la Vita': "l'Expo accoglie un pubblico molto vasto che non ha sempre autodifese. Il David è inserito all'interno di una struttura. In questo modo gli organizzatori l'hanno protetto dagli sguardi del pubblico, soprattutto quello arabo".