Cordani (Samsung): "Inclusività e innovazione alla base di The Art Room" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Dom, Ott

Cordani (Samsung): "Inclusività e innovazione alla base di The Art Room"

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Samsung apre le sue porte agli artisti e presenta il progetto “The Art Room by Samsung”, realizzato in collaborazione con la curatrice d’arte di rilevanza internazionale Caroline Corbetta. L'obiettivo è unire tecnologia e arte per rendere le opere accessibili a un pubblico sempre più vasto.

alternate text

 

"Un progetto che parte dall'unione di innovazione e arte - spiega Francesco Cordani, Head of MarCom di Samsung Electronics Italia - arriva in un momento in cui la fruizione dell'arte è più innovativa vista l'era post Covid. Ci sono degli ingredienti fondamentali che hanno reso possibile tutto questo. Una curatrice d'eccezione, Caroline Corbetta, che ha seguito, gestito e diretto il progetto selezionando, insieme a Samsung, sei giovani artisti. Loro hanno dato sfogo all'immaginazione artistica creando sei opere esclusive grazie ai prodotti Samsung: Galaxy S21 Ultra 5G, Samsung Galaxy Tab S7 Plus, S Pen e The Frame, il nostro televisore creato apposta per vedere non solo contenuti ma anche quadri e illustrazioni creative".

Un progetto che conferma e rinforza l'impegno di Samsung nel sostenere la diffusione dell’arte presso il grande pubblico attraverso il proprio ecosistema tecnologico.

"L'obiettivo nostro è stato quello di generare una democratizzazione innovativa dell'arte – prosegue Cordani - perché per Samsung innovare a 360 gradi vuol dire anche avere nuove interpretazioni artistiche dove non semplicemente un progetto fisico diventa digitale. In questo preciso caso, infatti, un'opera artistica nasce sul digitale e rimane fruibile solo sul digitale. Due sono le parole chiave: inclusività e innovazione".