Il Museo delle Navi romane a Fiumicino riapre dopo venti anni - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Ven, Ott

Il Museo delle Navi romane a Fiumicino riapre dopo venti anni

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Riapre dopo venti anni il Museo delle Navi romane a Fiumicino. A tagliare il nastro - proprio all'indomani della decisione del Governo di consentire la piena capienza nei musei, oltre che nei teatri e cinema - è il ministro della Cultura, Dario Franceschini, con Massimo Osanna direttore generale dei Musei per il Mic, i vertici di Adr e il sindaco Esterino Montino.

alternate text

 

"Oggi è davvero una bella giornata, nonostante il forte vento", osserva Franceschini che poi, con il sorriso, ricorda: "Fare il ministro per lungo tempo dà la soddisfazione di vedere i risultati concreti e io lo sono praticamente da quando sono state costruite queste navi... - scherza - Si è realizzato una grande lavoro scientifico e museale, anche grazie alla voce 'grandi progetti per beni culturali' inserita da alcuni anni nel bilancio del Mic, unendo innovazione tecnologica e tutela del patrimonio archeologico, artistico e culturale".

Grazie a "un lavoro di equipe, con un approccio multidisciplinare e un fondamentale progetto di ricerca" come sottolinea Osanna, riapre dunque dalla prossima settimana al pubblico uno spazio museale, raggiungibile con un bus dalla città di Fiumicino e da una navetta ogni mezz'ora dall'aeroporto, con il supporto di AdR, la società Aeroporti di Roma che, come affermano il presidente Claudio De Vincenti e l'ad Marco Troncone, "va nella direzione di un aeroporto sostenibile e legato al territorio che ha la vocazione storica e la cultura come punto di riferimento".

Soddisfazione anche da parte del sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, visto che "il Museo delle Navi romane fu chiuso nel 2001 subito dopo il Giubileo - ricorda - cui seguì una fase di stanchezza riscattata in questi ultimi anni da una forte accelerazione, con un impulso molto importante del Mic e del Parco archeologico di Ostia Antica, in collaborazione con tutte le istituzioni e in stretto rapporto con la società AdR".

Sono cinque le imbarcazioni in legno di cipresso visibili dai visitatori: tre 'caudicarie' per il trasporto delle merci, un veliero e una imbarcazione da pesca. Un relitto è attualmente in restauro e chi entrerà, gratuitamente, al museo potrà vedere i restauratori all'opera", riferisce Alessandro D'Alessio, direttore del Parco archeologico di Ostia Antica.

Il percorso corre su due livelli, uno all'altezza delle imbarcazioni per vedere da vicino le carene e le chiglie e uno lungo una passerella sopraelevata per ammirarne meglio le forme esterne e il fasciame interno, mentre alle pareti sono esposti reperti ritrovati tra il 1958 e il 1965 durante gli scavi.

(dall'inviato Enzo Bonaiuto)