Libri, 'Emozioni in Trentino' di padre Sapienza: negli scatti la montagna per riscoprire Dio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Gio, Ago

Libri, 'Emozioni in Trentino' di padre Sapienza: negli scatti la montagna per riscoprire Dio

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Fotografie del silenzio" per uscire dal trambusto della quotidianità e dalla banalità creando "uno spazio che ferma e sospende i nostri sguardi e i nostri pensieri, per aprirli verso un altrove".

alternate text

 

Padre Leonardo Sapienza, sacerdote e reggente della Casa Pontificia, parla così delle immagini raccolte in 'Emozioni in Trentino', volume fotografico che ha curato. Scatti e immagini, accompagnati da riflessioni di autori vari: "Camminando tra i sentieri delle Dolomiti e l'immensità delle valli del Trentino, le emozioni (e quali e quante!) si provano e si godono a pieni polmoni. Le immagini raccolte in questo volume - sottolinea l'introduzione padre Sapienza - offrono alcune istantanee di queste bellezze. Non c'è da capire in quei momenti: c'è solo da emozionarsi e da amare! Ci si affaccia su panorami stupendi con meraviglia, per scoprirne le meraviglie". "E' ciò che noi, frettolosi consumatori di tecnologia - osserva - non proviamo più. Capita di guardare, ma non di vedere".

"La nostra è stata chiamata 'la generazione del capo chino' - aggiunge padre Sapienza in un altro passaggio - sempre ripiegati sul computer, con lo sguardo basso sul cellulare; tutti intenti su interessi immediati, sulle banalità o sulle cose da possedere. Ma così, si spegne non solo la poesia, ma la stessa vita dell'anima. E' necessario, allora, salire sui monti del Trentino: attraverso l'erta faticosa ti allontani dalle nebbie della paura, ritrovi il mistero del cielo e, soprattutto, riscopri te stesso".

In conclusione, padre Sapienza ricorda: "Salire in montagna significa isolarsi, distaccarsi dagli uomini e dalle cose, principio indiscusso di sanità mentale. Salire in montagna significa abituarsi all'autonomia personale - continua - a restare con i propri pensieri, la propria preghiera, il proprio destino. Salire in montagna significa cercare un luogo per un rapporto personale con Dio, con se stessi, dove riprendere il respiro, ritrovare la pace. In una parola: salire in montagna significa imparare a vivere....".

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.