Economia - il Centro Tirreno - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Lun, Ott

Economia

Le ultime notizie di economia in tempo reale, dall'Italia e dall'estero

 

Quarantamila lavoratori di Amazon tra driver, addetti agli hub e ai magazzini domani in sciopero nazionale per 24 ore. Proclamato da chi aderisce alla Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, lo stop nasce per protestare contro la rottura delle trattative a livello nazionale sul rinnovo del contratto di secondo livello e che porterà per la prima volta questi lavoratori ad incrociare le braccia interrompendo così la consegna di quel fiume ininterrotto di migliaia di pacchi consegnati ogni giorno. E i lavoratori che incroceranno le braccia per un giorno lanciano l'appello ai cittadini. 

 

Il 2020 è stato un anno di ripresa per il bitcoin con un aumento del 279% nel corso dei 12 mesi. A dicembre 2020 la regina delle criptovalute ha sfondato quota 20 mila dollari per la prima volta a dicembre per poi toccare a fine mese quasi i 30mila. Nel 2021, grazie anche alla 'spinta' del fondatore di Tesla, Elon Musk che ha deciso di investire 1,5 miliardi di dollari nel criptovaluta a febbraio, il bitcoin ha superato prima i 50 mila dollari e poi nei giorni scorsi ha superato anche quota 60 mila dollari raggiungendo un record a 61.556 dollari.

 

"Nello smartworking è importante costruire un nuovo modello normativo, delle regole, che impediscano la deriva verso una forma di subordinazione tecnologica". Lo ha detto la giuslavorista Alessandra Ingrao, dell'Università di Milano, commentando i risultati dell'inchiesta sul lavoro in smart working nel settore dell'Ict a Milano realizzata dalla Fiom Cgil di Milano, resa nota oggi in occasione dell'evento 'Lo smartworking è sostenibile?', svoltosi nell'ambito della Milano Digital Week 'Città equa e sostenibile'.  

 

Dalla pandemia è emersa la necessità di lavorare anche sulle competenze tecnologiche e trasversali. Dal diffondersi del lavoro da remoto alla digitalizzazione, da nuovi stili di leadership a inedite leve motivazionali, tanto i manager quanto i collaboratori hanno dovuto rivedere il loro approccio alla sfera professionale. Questa la sintesi della conference 'Il Futuro del lavoro. I lavori del futuro' svoltasi oggi nell'ambito della Milano Digital Week 'Città equa e sostenibile'.  

 

Più ore di lavoro, con carichi maggiori, senza riconoscimenti retributivi e senza pause, esaurimento nervoso e disturbi muscolo-scheletrici. E' quanto emerso dall'inchiesta sul lavoro in smart working nel settore dell'Ict a Milano realizzata dalla Fiom Cgil di Milano, presentata oggi in occasione dell'evento 'Lo smartworking è sostenibile?' svoltosi nell'ambito della Milano Digital Week 'Città equa e sostenibile'. L'inchiesta è stata realizzata in collaborazione con la Fondazione Sabattini e la cattedra di Diritto al lavoro della facoltà di Giurisprudenza dell'Università Statale di Milano. 

 

Per imprese e lavoratori arrivano 32 miliardi. Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto sostegni che "è più o meno quello che sta già circolando. Tre quarti dell'importo sarà destinato alle imprese", ha annunciato il premier Mario Draghi in conferenza stampa, al termine del Cdm. "Siamo consapevoli che si tratta di un intervento parziale e per questo" c'è l'ipotesi di "un secondo stanziamento in occasione della presentazione del Def", ha aggiunto.  

 

Il piano '2024 Sustain & Innovate' (24 Si) "trasforma le sfide in opportunità grazie alla solidità e alla flessibilità del nostro approccio strategico al business. Confermeremo con un 'Si' la nostra promessa di raggiungere i nostri obiettivi per il 2024. Poste Italiane è il più prezioso motore di innovazione e digitalizzazione del Paese, che collega fisicamente e digitalmente clienti, cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione". E' quanto ha detto Matteo Del Fante, amministratore delegato e direttore generale di Poste Italiane, nel commentare il nuovo piano strategico attraverso il quale "siamo in grado di costruire e crescere sulle solide basi gettate dal 'Piano Deliver22', con obiettivi raggiungibili in tutte e quattro le nostre divisioni di business", ha aggiunto. 

 

Nuovi macchinari per una migliore qualità del prodotto e 6 nuove assunzioni. Questo l’obiettivo dell’investimento da un milione e 600 mila euro realizzato da Drago Spa, azienda costituita nel 1978, a Lessona, nel distretto tessile di Biella, specializzata nella produzione e filatura di fibre pregiate e, in particolare, di tessuti di alta gamma per l’abbigliamento maschile.

 

"Una data certa per la ripartenza delle manifestazioni fieristiche, un protocollo sicurezza definito e la messa a terra delle risorse economiche previste dal governo per fiere e congressi. Queste in sintesi le sollecitazioni che abbiamo portato sul tavolo del ministro del Turismo Massimo Garavaglia con cui abbiamo avuto un confronto costruttivo e franco, volto a individuare tutti gli strumenti necessari per far ripartire un settore strategico per il nostro Paese che ha proprio nel Salone del Mobile.Milano una vetrina internazionale che a settembre segnerà il punto della ripartenza non solo per il settore che rappresentiamo”. Lo dichiara Claudio Feltrin, presidente di FederlegnoArredo, in una nota. 

 

"Il blocco dei licenziamenti è un finto problema: fino a giugno è comprensibile poi bisognerà partire con una strada selettiva. E visto che sulla cassa integrazione in tempi normali siamo contributori netti per 2,4 miliardi c'è la possibilità di altre 52 settimane di cig ordinaria. Gli imprenditori devono avere la possibilità di operare in un mercato ordinario che non vuol dire licenziare. Piuttosto bisogna mettere in campo tutti gli interventi necessari alle assunzioni". Lo riferisce il presidente di Confindustria Aldo Bonomi, intervistato da RaiNews 24., ricordando come gli imprenditori "avevano sollecitato una differenziazione fra chi aveva gli strumenti di cig ordinaria e chi non li aveva".