Progetto Ue Cradle-Alpe, parte da Padova per un sistema produttivo 'zero rifiuti'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Gio, Giu

Progetto Ue Cradle-Alpe, parte da Padova per un sistema produttivo 'zero rifiuti'

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Nella città del Santo si terrà il primo incontro sulla sperimentazione e applicazione di metodologie, come per esempio 'Cradle to cradle' (dalla culla alla culla), volte a realizzare la sostituzione dei materiali chimici di origine fossile con alternative sostenibili, nell’ambito del progetto europeo

Cradle-Alp. L’Iniziativa è finanziata dal programma di cooperazione transnazionale Interreg Spazio Alpino.  

Martedì 21 e mercoledì 22 marzo la Camera di commercio di Padova, in qualità di partner capofila, ospita nella propria sede la delegazione dei partner di progetto costituita dal Centro tecnologico di Horb am Neckar, Cluster della Chimica della Baviera, l’Università delle risorse naturali e delle scienze biologiche di Vienna, l’Agenzia governativa Business Upper Austria, l’Unismart - Fondazione dell'Università degli Studi di Padova, la Camera di commercio e industria della Slovenia, Polymeris - cluster del settore della plastica francese e la scuola di ingegneria e architettura dell’Università di Friburgo in Svizzera, con l’obiettivo di fare il punto sugli strumenti e sui finanziamenti utili a favorire la trasformazione delle attività economiche dell’area alpina, in ottica di economia circolare e sostenibilità sociale oltre che economica e ambientale.  

Al termine dell’incontro, i rappresentanti della delegazione dei partner stranieri insieme ai rappresentanti della Camera di Commercio e dei partner associati italiani (Regione del Veneto, Veneto Innovazione, Rete Luce in Veneto, Veneto Green Cluster, Confindustria Veneto Est), parteciperanno alla study visit che si terrà nell’azienda JVP di Piove di Sacco, la prima realtà italiana certificata Cradle to Cradle.  

L’azienda, che realizza pavimenti tecnici sopraelevati in acciaio completamente made in Italy e che vanta oltre 11 milioni di metri quadri posati in tutto il mondo negli edifici più prestigiosi ed iconici, ha ottenuto infatti la certificazione riconosciuta a livello internazionale. 

“La Camera di Commercio di Padova - commenta il presidente Antonio Santocono - considera il tema della sostenibilità strategico per lo sviluppo dell’economia territoriale. Questo è infatti il terreno su cui si gioca la competitività delle imprese nel prossimo futuro. Il nostro impegno è pertanto quello di sostenere progetti di promozione della cultura della sostenibilità, supportando e accompagnando le imprese verso processi e prodotti rispettosi sia a livello sociale che ambientale. Fare economia oggi vuol dire anche avere un’attenzione particolare ad aspetti come questi appunto la sostenibilità, l’inclusività, la partecipazione alla crescita e allo sviluppo della società civile".  

"Negli ultimi anni - spiega - sempre più imprese italiane hanno investito sulla green economy e anche in Veneto sempre più imprenditori sono consapevoli dei vantaggi competitivi derivanti dalla transizione ecologica. E’ proprio per favorire questo percorso di crescita, che l’Ente si sta impegnando sul tema anche nell’ambito della collaborazione con partners internazionali in progetti finanziati dall’Unione europea, come nel caso di Cradle-Alp”.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.