Iva: Italia ancora prima in Ue per evasione, perde 36 miliardi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Lun, Set
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Iva: Italia ancora prima in Ue per evasione, perde 36 miliardi

Iva: Italia ancora prima in Ue per evasione, perde 36 miliardi

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

In 2016 terza per divario tra gettito previsto e riscosso, 25,9%

Iva: Italia ancora prima in Ue per evasione, perde 36 miliardi
Iva: Italia ancora prima in Ue per evasione, perde 36 miliardi



BRUXELLES - Anche nel 2016 l'Italia si conferma prima in Ue per la più grande evasione dell'Iva in valore nominale, con perdite per le casse dello stato di 35,9 miliardi, mentre è terza per il maggior divario tra gettito previsto e riscosso con il 25,9%, dietro solo a Romania (35,88%) e Grecia (29,2%). E' quanto emerge dal rapporto annuale sull'Iva della Commissione Ue. Rispetto al 2015 c'è stato un lieve miglioramento in termini, in quanto l'evasione si è ridotta dello 0,23% scendendo dal 26,13%, anche se in termini nominali (35,7 miliardi) c'è stato un piccolo aumento dovuto al maggior gettito previsto nel 2016.

Nel complesso, dal 2012 al 2016 l'Italia è riuscita a ridurre l'evasione del 3%, con un divario calato dal 29% a poco meno del 26%. Nel suo insieme, l'Ue ha registrato perdite di introiti sull'Iva per 147,1 miliardi di euro, in calo di 10,5 miliardi rispetto all'anno precedente con una riduzione del gap dello 0,9%, scendendo al 12,3% dal 13,2%. I Paesi Ue in cui l'evasione dell'Iva è la più bassa sono Lussemburgo (0,85%), Svezia (1,08%) e Croazia (1,15%).

 Fitch lima stime Pil Italia, +1,2% nel 2018 - Fitch taglia le stime di crescita per l'Italia, portandole all'1,2% per quest'anno (da 1,3% di giugno) e confermando +1,2% per il 2019 e +0,9% per il 2020. Lo si legge in un breve documento, un aggiornamento del Global Economic Outlook dell'agenzia di rating, dopo una crescita italiana che nel secondo trimestre è stata "la metà di quanto prevedevamo nel GEO di giugno".

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook