ReBuild 2024, Fronk (Habitech): "Digitalizzazione e sostenibilità reciproco vantaggio"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Mer, Mag

ReBuild 2024, Fronk (Habitech): "Digitalizzazione e sostenibilità reciproco vantaggio"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - “Il mio intervento si è focalizzato soprattutto sul tema di digitalizzazione e sostenibilità. Come Habitech ci occupiamo di sostenibilità, ma seguiamo con molto interesse lo sviluppo della digitalizzazione. Sono discipline che talvolta fanno fatica a integrarsi, ma che traggono ciascuna vantaggio una

dall'altra”. E’ quanto riferito da Andrea Fronk, Innovation Manager di Habitech, a margine della seconda giornata di lavori della decima edizione di ReBuild - Meeting the next built environment, la manifestazione dedicata all’innovazione sostenibile dell’ambiente costruito, in svolgimento al Centro congressi di Riva del Garda il 14 e 15 maggio 2024, partecipando al panel ‘Il Proptech per innovazione dell’ambiente costruito. Le sfide della digitalizzazione’. “Durante il mio intervento ho evidenziato tre possibilità: nella fase di progettazione il tema del Generative Design. Oggi la progettazione è sempre più complessa e la possibilità di avere degli strumenti che ci permettano di controllare le molteplici informazioni diventa fondamentale e quindi ci permette di assumere le decisioni migliori”. “Un secondo step riguarda, invece, l'accentramento delle informazioni che oggi sono molto destrutturate su varie piattaforme, quindi avere una centralizzazione di questi dati univoci è un grandissimo vantaggio. L’ultimo tema trattato, infine, riguarda il Digital Twin, che è molto utile non solo per conoscere meglio gli edifici costruiti, ma anche e soprattutto per poter monitorare le performance degli edifici e avere un abbattimento dei tempi e dei costi di intervento”, conclude.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.