Frecciarossa fermo per 3 ore alle porte di Roma. Franceschini a bordo: "Non si respirava, qualcuno è svenuto"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Gio, Lug

Frecciarossa fermo per 3 ore alle porte di Roma. Franceschini a bordo: "Non si respirava, qualcuno è svenuto"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - E' stato un guasto tecnico, tra Settebagni e Orte, ad aver costretto il Frecciarossa FR 9422 a fermarsi per circa tre ore alle porte di Roma con i passeggeri a bordo. Notevoli i disagi per i passeggeri del treno Roma-Firenze, dovuti al fatto che, a quanto apprende l'AdnKronos, al momento del fermo il convoglio di Trenitalia era

privo di alimentazione: niente aria condizionata, quindi, a fronte delle alte temperature di oggi, in attesa dell'arrivo del 'trasbordo', ovvero del treno che ha, poi, portato i passeggeri fino alla stazione di Roma Tiburtina. 

Nelle tre ore di attesa a bordo del treno, sono state messe in campo, si apprende da fonti di Trenitalia, le misure di sicurezza previste, di informazione a bordo (fornita a voce, poiché senza elettricità, oltre all'aria condizionata, non funzionavano neanche i microfoni) e di assistenza. Per i passeggeri è previsto il rimborso del viaggio. Non risultano malori a bordo, precisano fonti di Trenitalia. Ora la coda dei ritardi si sta riassorbendo e treni viaggiano con circa 40 minuti di ritardo. 

Rassicurazioni arrivano sul fronte dello 'svecchiamento' dei convogli oggi circolanti: il piano di rinnovo treni prevede, per quanto riguarda i Frecciarossa (oggetto della disavventura di oggi) un miliardo di investimenti per 40 Frecciarossa nuovi, che saranno in circolazione dal 2025, proprio allo scopo di andare a sostituire mano a mano i treni più vecchi con convogli più efficienti. 

"È stata davvero brutta. C'erano bambini, anziani, donne incinte. Qualcuno è svenuto". Dario Franceschini, parlamentare Pd, era oggi tra i passeggeri del treno. Franceschini era diretto a un'iniziativa politica "ma alla fine era troppo tardi ormai e ho dovuto rinunciare". 

L'ex ministro dem racconta all'Adnkronos la disavventura: "Il treno si è fermato prima a Settebagni, poi, è ripartito è poco dopo in mezzo alla campagna si è fermato definitivamente per un guasto. All'inizio è stato terrificante perché le porte erano bloccate, era caldissimo e davvero mancava il respiro. Poi hanno aperto le porte, ma per questioni di sicurezza non si poteva scendere e tutti si sono accalcati vicino alle porte per prendere un filo d'aria. C’era chi si stava sentendo male". 

Poi finalmente dopo più di due ore i passeggeri sono stati fatti salire su un altro treno "che ci ha riportati a Roma. Per me ormai troppo tardi per arrivare al mio impegno e sono rimasto qui a Roma. Non accuso nessuno, ma spero che certi fatti possano contribuire a migliorare gli interventi quando ci sono emergenze del genere". 

 

 

  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.