Ritorno alla Luna, Tas studia veicolo per Esa - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Dom, Lug

Ritorno alla Luna, Tas studia veicolo per Esa

Ritorno alla Luna, Tas studia veicolo per Esa

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sarà Thales Alenia Space a studiare il veicolo dell’Esa che consentirà i trasferimenti Terra-Luna-Terra.

Ritorno alla Luna, Tas studia veicolo per Esa
Ritorno alla Luna, Tas studia veicolo per Esa

 

La joint venture Thales (67%) e Leonardo (33%) ha annunciato di avere siglato un contratto con l’Agenzia Spaziale Europea del valore di 4,5 milioni di euro per lo studio del Veicolo di trasferimento cislunare Cltv. Il Cis Lunar Transfer Vehicle sarà un veicolo spaziale per il trasporto e la logistica, e sarà impiegato in una varietà di missioni: dal rifornimento logistico dei moduli pressurizzati del Gateway lunare, al trasporto delle infrastrutture dello spazio a orbita terrestre bassa e al potenziale uso per future missioni a supporto dell’European Large Logistic Lander - El3. Thales Alenia Space è uno dei primi contraenti responsabile dell’intera fase di studio (fase progettuale A/B1), che collabora con Ohb come partner principale e con Altec, l'Aerospace Logistics Technology Engineering, una controllata di Thales Alenia Space (63,75%) e Asi (36,25%), per le operazioni del segmento di Terra. Tas riferisce che lo studio "fornirà a Esa un veicolo di servizio logistico completo, con diverse destinazioni d’uso per l’esplorazione dello spazio, dall’orbita terrestre bassa all’ambiente cislunare e lunare".  

In particolare, il Cltv é progettato per essere compatibile e per comunicare in maniera continua con altri moduli che Thales Alenia Space sta sviluppando per Nasa, Esa e l’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), come l'European Large Logistic Lander, l’International Habitat (I-Hab), il sistema europeo per rifornimento, infrastrutture e telecomunicazioni Esprit (European System Providing Refueling, Infrastructure and Telecommunications), il sistema di atterraggio umano (Human Landing System - Hls) e le future infrastrutture lunari. 

La joint venture spiega che i momenti chiave dello studio saranno la Preliminary design review che avverrà già a metà del 2021, e la System Design Review, fissata per la fine del 2022, che segnerà la conclusione della fase di studio e darà avvio alla fase di ingegneria e sviluppo. Thales Alenia Space è anche il primo contraente per lo studio del European Large Logistic Lander (El3), responsabile dell’architettura e dell’integrazione dell’intera missione.  

"El3 è un elemento indipendente delle attività di esplorazione lunari internazionali, concepito come un sistema versatile che può supportare una varietà di missioni" sottolinea la joint venture ricordando che "le prime due missioni prioritarie che saranno studiate, saranno legate a una missione di consegna di cargo a supporto del programma della Nasa Artemis e una missione scientifica del rover polare come progetto europeo indipendente per l’esplorazione del polo sud della Luna".