Governo Draghi, la richiesta delle banche sulle moratorie - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Mer, Dic

Governo Draghi, la richiesta delle banche sulle moratorie

Governo Draghi, la richiesta delle banche sulle moratorie

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Abbiamo chiesto al presidente incaricato che le moratorie non vengano interrotte anzitempo, che abbiano durata più lunga della pandemia e che, quando sarà finalmente conclusa, vengano ridotte gradualmente, senza immediatezza, senza integralismi e automatismi, perché occorrerà dare tempo alle imprese, in una situazione di ritrovata normalità, per riprendere a lavorare in maniera ordinaria".

alternate text

 

Lo ha detto Antonio Patuelli, presidente dell'Abi, al termine dell'incontro di oggi nell'ambito delle consultazioni con il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi. 

In questo modo, ha spiegato, le imprese avranno "il tempo di ripagare con gradualità e senza strattonamenti i debiti che hanno contratto negli anni della pandemia e in quelli in cui hanno chiesto le moratorie". Sul tema, ha poi aggiunto Patuelli, "il presidente si è dimostrato molto consapevole della problematica e della situazione e dei rischi dei crediti 'deteriorandi'" cioè guardando a quelli "non al passato, ma alla potenzialità del futuro". 

"Le banche sono molto impegnate e molto preoccupate per quello che possono essere i rischi che possono toccare le imprese in difficoltà a seguito della pandemia e che, conseguentemente alle imprese, possono toccare le banche stesse", ha detto ancora Patuelli.