Caso tamponi, Lazio e Lotito deferiti: cosa rischia il club - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Mar, Lug

Caso tamponi, Lazio e Lotito deferiti: cosa rischia il club

Caso tamponi, Lazio e Lotito deferiti: cosa rischia il club

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il procuratore federale della Figc, Giuseppe Chinè, ha deferito al Tribunale federale nazionale la Lazio, il suo presidente Claudio Lotito e i medici Ivo Pulcini e Fabio Rodia per violazione dei protocolli sanitari anti Covid della Federazione. Il club biancoceleste è stato deferito per responsabilità diretta, oggettiva e propria.

 

Lotito è stato deferito per "non aver provveduto a far rispettare o comunque per non aver vigilato sul rispetto" delle norme in materia di controlli sanitari e delle necessarie comunicazioni alle autorità sanitarie locali competenti. In particolare, il presidente della Lazio è accusato di non avere tempestivamente comunicato alle Asl competenti la positività dei giocatori della squadra prima di alcuni match delle coppe europee e del campionato di serie A e di non avere “concordato” con le stesse Asl le modalità dell’isolamento fiduciario dei tesserati.  

Il caso sarà quindi trattato dal tribunale federale della Figc: le eventuali sanzioni vanno dalla ammenda ai punti di penalizzazione fino, nei casi più gravi, alla retrocessione e all'esclusione dal campionato.