Popmove, il noleggio auto si paga anche in bitcoin - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Lun, Mag

Popmove, il noleggio auto si paga anche in bitcoin

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ritorna il vero marchio di fabbrica di Popmove: la condivisione tramite app del veicolo, un servizio di sharing tra privati che consente di risparmiare sul canone mensile e ottimizzare l’uso dell’auto. La modalità sharing sarà inizialmente ristretta a una cerchia limitata di persone, in attesa che le condizionigenerali consentano di tornare a sfruttare il potenziale della condivisione allargata. 

alternate text

 

Per accedere alla flotta di Popmove basta semplicemente avere una carta di credito. Non c’è scoring, quindi non è necessario produrre documentazione reddituale, busta paga, garanzie, lunghe sottoponendosi a lunghe pratiche e processi di approvazione.  

Popmove sperimenta anche nuovi, rivoluzionari metodi di pagamento. Per la prima volta - oltre che con i tradizionali sistemi - sarà possibile acquistare l’abbonamento di mobilità tramite Bitcoin. Una scelta che rafforza l’identità di Popmove come realtà proiettata verso il futuro e decisa a creare il vero standard del prodotto digitale. 

“In un momento così complesso in cui i privati, così come le Partite Iva o le piccole e medie aziende, stanno cercando di ripartire, abbiamo deciso di metterci in gioco e proporre un servizio completamente nuovo rispetto a quelli oggi presenti sul mercato”, spiega Alberto Cassone, Ceo di Popmove.  

“Per farlo abbiamo ascoltato con attenzione i bisogni reali delle persone e delle aziende, offrendo loro risposte basate sulla semplicità di accesso e sull’abbattimento delle barriere -continua Cassone-. Investire su formule alternative, scommettere sulla transizione dal possesso all’uso dell’auto e sulla mobilità come servizio fa parte della nostra storia. Da sempre abbiamo l’ossessione di voler presentare il vero prodotto del futuro e di guidare il cambiamento piuttosto che subirlo. Popmove è una risposta all’altezza delle nostre ambizioni”. 

“Abbiamo sempre scommesso sull’innovazione, lanciando per primi l’e-commerce nel settore automotive così come abbiamo cercato di essere sempre all’avanguardia e di intercettare i trend della digitalizzazione -sottolinea Riccardo Pingiori, amministratore delegato di Hurry!-. La stessa scelta del bitcoin non è causale, siamo convinti che Popmove possa davvero segnare un punto di svolta, rappresentare un modello in grado di cambiare i parametri del noleggio e decretare la fine della vendita analogica a favore di quella digitale''.  

''Oggi per far ripartire il mercato occorre fare qualcosa di più: occorre investire sulla trasparenza e la flessibilità e aiutare coloro che in questa fase non se la sentono di fare scelte troppo impegnative -conclude Pingiori-. Popmove unendo il pay per use e il ready to share esplora una frontiera del noleggio a lungo termine unica a livello mondiale”.