Confcommercio: "Quasi 9 mln di vacanzieri prenotano per l'estate ma 65% aspetta" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Dom, Giu

Confcommercio: "Quasi 9 mln di vacanzieri prenotano per l'estate ma 65% aspetta"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sono quasi 9 milioni (8 milioni e 750mila) gli italiani che di fatto hanno confermato o stanno chiudendo la prenotazione in questi giorni per una vacanza estiva. A segnalarlo all'Adnkronos è Alberto Corti, responsabile Turismo di Confcommercio.

alternate text

 

"Si tratta del 35% dei 25 milioni che normalmente fanno una vacanza in una struttura turistica, da giugno a settembre in Italia o all'estero, - spiega Corti - gli stessi che raggiungono 35 milioni di arrivi, in quanto alcuni di loro fanno più di una vacanza" afferma a proposito del quadro aggiornato di tutto il sistema turistico italiano, dalle agenzie di viaggi agli alberghi, alle strutture extralberghiere come i B&B, case vacanze, campeggi, villaggi. Poi c'è tutto un mondo che sfugge alle rilevazioni degli operatori, italiani che vanno in vacanza nelle seconde case o presso le abitazioni di amici e parenti.  

Tuttavia, se qualcosa si muove, "resta ancora fuori il 65% di italiani che attualmente sta chiedendo informazioni e magari non andrà proprio in vacanza o per motivi economici o per sfiducia sull'andamento della pandemia covid" aggiunge il responsabile di Confcommercio. "Al momento l'unica cosa che si può constatare in vista delle vacanze estive è che c'è un incremento molto forte delle richieste di informazioni ed anche il consolidamento delle prenotazioni da parte degli italiani" precisa Alberto Corti.  

Intanto nelle città d'arte e nelle grandi città come Roma, Firenze, Milano si comincia a vedere un certo flusso di turisti, magari spinto dalle riaperture di bar e ristoranti all'aperto o dallo shopping, tuttavia si tratta per lo più di turisti mordi e fuggi italiani. "In questi giorni - sostiene Corti - vediamo turisti con cartine alla mano per le vie dei centri storici: sono escursionisti che arrivano dalle vicinanze e che non pernottano nelle città, stranieri, per ora, ahinoi, c'è tempo".