Parola d'ordine 'flessibilità', l'assicurazione cambia volto - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Dom, Giu

Parola d'ordine 'flessibilità', l'assicurazione cambia volto

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Gli italiani sono pronti a sperimentare nuove forme di mobilità ed è per questo che anche il settore assicurativo cambia volto a favore del concetto di mobilità multimodale, che si annuncia come uno dei trend dei prossimi anni.

La flessibilità, infatti, è ormai un 'must', come rileva la ricerca Bva-Doxa per l’Osservatorio 'Change Lab, Italia 2030' realizzato da Groupama Assicurazioni, che ha voluto indagare i principali trend che entro il 2030 cambieranno le abitudini di vita degli italiani. Secondo i dati dell’Osservatorio Groupama, il 31% del campione intervistato sente l’esigenza di un’assicurazione legata più alla persona che ai singoli mezzi di proprietà; una polizza in grado di coprire tutti gli spostamenti, compresi quelli realizzati attraverso i servizi di sharing. Questa soluzione riscontra il favore soprattutto dei più giovani, che la preferirebbero nel 37% dei casi, a pari merito con la proposta di assicurare in un’unica soluzione tutti i mezzi di trasporto di proprietà. 

“La nostra Compagnia – afferma l’ad di Groupama Assicurazioni, Pierre Cordier – studia con grande attenzione i nuovi bisogni di sicurezza emergenti. Già da tempo abbiamo messo a punto soluzioni assicurative flessibili e modulabili: ‘sartoriali’, cucite ad hoc sulle esigenze del singolo. La fase che l’intero Paese sta attraversando dopo lo scoppio della pandemia di Covid-19 è contrassegnata dal consolidarsi di un nuovo modello di domanda: emergono con maggiore chiarezza stili di mobilità più consapevoli, maturi e innovativi, orientati a forme di spostamento più marcatamente 'green', condivise e intermodali".  

"Per questo motivo, come assicuratori, abbiamo pensato a realizzare un prodotto che potesse tener conto di tutti questi fattori, andando incontro ai nuovi bisogni dei nostri clienti. Una soluzione assicurativa in grado di seguire la persona in tutti i suoi spostamenti (a piedi, con veicoli di proprietà o in sharing) e non il singolo mezzo di trasporto. Una copertura a 360°, adatta a ogni tipo di esigenza. A breve sarà possibile sottoscriverla in tutte le filiali del nostro Gruppo. È la nostra risposta al bisogno di cambiamento e di nuove sicurezze che gli Italiani avvertono in un momento storico così difficile” conclude Cordier.