Bper, Banca Popolare di Sondrio, Cdp e Sace insieme per la mobilità navale green - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Mer, Giu

Bper, Banca Popolare di Sondrio, Cdp e Sace insieme per la mobilità navale green

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Bper Banca, in qualità di istituto organizzatore, Banca Popolare di Sondrio e Cdp, avvalendosi della Garanzia Green di Sace, hanno supportato il Gruppo Fratelli Cosulich, attivo nei servizi di spedizione e logistica legati all’industria del trasporto marittimo, "finalizzando un contratto di finanziamento da 31,5 milioni di euro, a cui si aggiungono ulteriori risorse pari a 4,5 milioni di euro da parte della Commissione Europea".  

alternate text

 

Le risorse - spiegano in una nota congiunta Bper Banca, Banca Popolare di Sondrio e Sace - saranno utilizzate per la "realizzazione di un mezzo navale che consentirà la distribuzione di gas naturale (Gnl) nel Mar Mediterraneo. Si tratta di un progetto strategico e all’avanguardia a livello europeo, un primo importante passo per uno sviluppo infrastrutturale orientato alla mobilità sostenibile e a basso impatto ambientale".  

Il progetto prevede la "costruzione di una nave gasiera di circa 5.300 tonnellate, alimentata a sua volta a gas naturale, per il trasporto e il servizio di rifornimento di Gnl alle grandi navi, sia da crociera che cargo, in transito nel Mediterraneo. Potrà trasportare fino a 8.000 m3 di gas e vanterà le più avanzate tecnologie disponibili. Sarà installato un impianto che permetterà di eliminare completamente i potenziali impatti ambientali. Per il perfezionamento dell'operazione ha collaborato lo Studio Legale Watson Farley Williams".