Dunne (Ceo eDreams): "L'Italia é tornata nei sogni dei turisti europei" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Ven, Lug

Dunne (Ceo eDreams): "L'Italia é tornata nei sogni dei turisti europei"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il turismo inizia dare i primi segnali di recupero dopo il crollo dovuto alla pandemia e "l’Italia è tornata nei sogni dei viaggiatori europei". Stando a quanto ha rilevato all'Adnkronos Dana Dunne, il Ceo di eDreams Odigeo, addirittura "Roma è nella top 10 delle mete più prenotate dai nostri utenti europei per il periodo settembre-ottobre".

alternate text

 

E riguardo i risultati in Italia, "indubbiamente -osserva il manager- negli ultimi mesi abbiamo visto una ripresa delle ricerche e delle prenotazioni. In generale, per il momento osserviamo soprattutto prenotazioni sul breve raggio per i mesi estivi, ma la buona notizia è che anche gli italiani hanno ripreso a prenotare". Il Ceo del gruppo che controlla eDreams, Go Voyages, Opodo, Travellink e Liligo, sottolinea in particolare che "le mete più prenotate per l’estate 2021 al momento sono le isole, con città come Palermo, Catania e Olbia e una spesa media di 136 euro a testa".  

Ma in realtà se la pandemia ha scandito un "anno impegnativo", adesso "finalmente la fiducia dei consumatori è in aumento grazie all’avanzamento della campagna vaccinale e la domanda di viaggi è in progressiva ripresa" assicura il Ceo di eDreams Odigeo nel giorno in cui il player comunica i risultati dell'esercizio fiscale conclusosi il 31 marzo 2021 e che vede l'agenzia di viaggi online in Europa, una delle maggiori nel settore dell’e-commerce, archiviare il periodo con un calo dei ricavi del 79%, l'Ebitda rettificato a -38,2 milioni di euro (+115,1 milioni di euro nell'esercizio 2020),"ben gestito grazie al modello di business altamente adattabile" ed un utile netto rettificato di -86,8 milioni di euro (2020: + 34,7 milioni di euro).  

"Sebbene la pandemia abbia influenzato le performance di tutto il settore lo scorso anno, nel nostro caso -sottolinea il Ceo Dunne- siamo orgogliosi di aver migliorato il nostro posizionamento strategico durante questo periodo. Abbiamo inoltre guadagnato quote di mercato a livello globale, raggiunto la seconda posizione al mondo nel settore della vendita al dettaglio di voli e aumentato la nostra quota di mercato in Europa del 6% fino a raggiungere il 37%". Analizzando i conti, Dunne rileva che "nell'esercizio 2021 le prenotazioni sono diminuite del 70% parallelamente al costo variabile (-75%). Tuttavia -osserva il top manager- eDreams Odigeo ha una comprovata capacità di adattare e ridurre rapidamente i costi fissi e le spese in conto capitale. Grazie alle misure aggiuntive, abbiamo ottenuto risparmi di 32 milioni di euro in costi fissi e spese in conto capitale, ben oltre 28 milioni di euro nell'anno fiscale 2020" e "nei nostri 6 mercati principali - Francia, Spagna, Italia, Germania, Regno Unito e paesi scandinavi - abbiamo registrato ricavi per 85,9 milioni di euro nell'anno fiscale 2021". 

In un'analisi del settore viaggi e turismo a tutto tondo, il Ceo Dana Dunne sottolinea che il Covid-19 ha spinto anche l'acceleratore del turismo digitale. "La pandemia ha accelerato diverse tendenze che si stavano già affermando nel nostro settore, in primo luogo il passaggio da offline a online, e in particolare verso i dispositivi mobili". "Questa tendenza -sottolinea il top manager- rappresenta una grande opportunità per noi poiché siamo già il principale attore nei viaggi online in Europa, così come nelle prenotazioni da mobile. Presto, quasi sei prenotazioni su dieci verranno effettuate su dispositivi mobili dai nostri clienti e ciò rappresenta 19 punti percentuali in più rispetto alla media del settore".  

Per questo, osserva, "continueremo a investire in questa tecnologia per massimizzare la domanda che arriverà sempre più dall’online" ma anche perché "i viaggiatori sono sempre più alla ricerca di una scelta ampia, di comodità, flessibilità e rapporto qualità-prezzo. Continueremo quindi a sviluppare i contenuti della nostra piattaforma, che offre già 274.000 itinerari di volo da oltre 650 compagnie aeree e più di 2,1 milioni di hotel e, a tal fine, punteremo ulteriormente sull'Intelligenza Artificiale per offrire piani di viaggio su misura ai nostri clienti". Oltre al continuo miglioramento tecnologico, "che è sempre una priorità", il Ceo di eDreams Odigeo rimarca come il player abbia "un'agenda per l'ambiente, la società e la governance" e "sebbene le nostre attività principali abbiano un impatto ambientale relativamente ridotto, ci impegniamo a esplorare nuovi modi per ridurre la nostra impronta ambientale" assicura.  

E nell'era dei viaggi a portata di un click, Dunne sottolinea inoltre l'innovativo servizio di abbonamento per accedere più facilmente a sconti e offerte. "Prime è il primo modello di abbonamento applicato al settore dei viaggi nel mondo. I modelli di abbonamento erano già stati testati in altri settori, come lo streaming o la consegna di cibo, ma mai prima d'ora per i viaggi. Sappiamo dalla nostra ricerca che i consumatori vogliono rapporti più stretti con i brand, un'esperienza personalizzata, maggiore flessibilità e scelta e prezzi migliori. Il nostro programma di abbonamento va in questa direzione" assicurando "risparmi fino a 250 euro per vacanza". "Lavoriamo su questo modello da 4 anni e abbiamo un futuro radioso davanti a noi" scandisce ancora il manager.