Colao: "Mix tra presenza e smart working per il futuro" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Dom, Ago

Colao: "Mix tra presenza e smart working per il futuro"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Sono un grande sostenitore di un futuro che metta assieme il meglio dei due mondi", presenza e smart working. E' il mix che propone Vittorio Colao, ministro per l'Innovazione tecnologica e la Transizione digitale, intervenendo al Festival dell'economia di Trento, interpellato sul futuro del lavoro, tra un ritorno al passato in presenza o un futuro in smart working.

alternate text

 

Colao pensa a "una forma mista, Dobbiamo abilitare il quadro giuridico e anche culturale che prenderà il meglio del lavoro in presenza e dello smart working. Stiamo stimolando in questo senso anche le aziende, le università, le imprese pubbliche per mettere insieme il meglio dei due mondi". 

"Andiamo incontro a un modello di lavoro misto, senza l'angoscia di andare al lavoro prestissimo o di non riuscire a gestire la famiglia. Però non dobbiamo dimenticare il bisogno e l'importanza della socialità e del mentoring nei confronti dei giovani", spiega Colao. "Certe cose non le faremo più. Confesso che sono andato a Hong Kong per una cena e se penso al footprint di quella cena... Una sciocchezza che non faremo più". 

Capitolo PA: "Abbiamo il 93-95% dei server della Pubblica amministrazione non in condizioni si sicurezza. Qui nessuno e' sicuro e non possiamo andare avanti cosi', abbiamo bisogno di cloud piu' sicuri perche' i dati sensibili dei cittadini e quelli meno sensibili siano tenuti in sicurezza". "Dobbiamo andare verso il cloud con la creazione del Polo strategico nazionale", dice. E "lo Stato allenatore si aspetta che tutte le imprese diano le loro proposte entro giugno per creare un polo nazionale sicuro e ridondante le cui chiavi di accesso di crittografia siano in controllo pubblico e in cui possiamo avere i vantaggi di esser al sicuro con la nostra tecnologia. Classificheremo anche i dati ed i livelli di cloud commerciali che, se verranno usati, dovranno essere certificati. Un mondo sicuro sia sulla parte commerciale che meno commerciale", aggiunge.