Export, Ferro (Ice): '2020 difficile, solo Germania meglio di noi' - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
03
Mar, Ago

Export, Ferro (Ice): '2020 difficile, solo Germania meglio di noi'

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Nel 2020 l’Italia ha avuto una flessione complessiva dell’export del 9,7%, il secondo minore impatto tra i Paesi del G8, solo la Germania ha fatto meglio di noi”. Così Carlo Maria Ferro, presidente dell'agenzia Ice, è intervenuto al convegno "Nuove rotte per la Nautica”, organizzato nell'ambito della Convention Satec 2021 di Confindustria Nautica. 

alternate text

 

“In un momento in cui si è fermato il commercio mondiale — ha sottolineato Ferro — il nostro sistema ne è uscito con poche ammaccature e io sono ottimista sul fatto che l’export darà un contributo veloce alla ripresa, sono fiducioso perché gli interventi del Pnrr in corso stanno facendo ripartire anche gli altri cilindri del motore, come gli investimenti pubblici e privati, i quali contribuiranno, progressivamente, a far riprendere anche i consumi privati”. 

"L’export può essere il volano di tutta l’economia ma la sfida va accolta con visione, interpretando i trend in evoluzione del commercio mondiale e fare gli investimenti giusti per posizionarsi”.  

“Tra i maggiori trend - ha spiegato Ferro - vedo lo spostamento verso il digitale, una maggiore attitudine dei consumatori verso la sostenibilità e la salute, e una geografia dei mercati che vede al centro sempre più l’Asia, non solo la Cina ma anche il Giappone, con un’attenzione a Hong Kong e Singapore che sono mercati nuovi e particolarmente ricettivi per quanto riguarda la nautica”.  

“In definitiva - ha concluso - per ripartire serve cogliere le opportunità immediate, partendo dai mercati dove esiste più familiarità”.