Del Bravo (Ismea): "Migliora clima fiducia imprese agricole e industria alimentare" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Lun, Ago

Del Bravo (Ismea): "Migliora clima fiducia imprese agricole e industria alimentare"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Ismea ha rilevato anche un miglioramento del clima di fiducia delle imprese agricole e dell'industria alimentare, dopo l'inevitabile deterioramento che ha accompagnato tutto il corso del 2020”. Lo dice, in un’intervista all’Adnkronos/Labitalia, Fabio Del Bravo, responsabile Servizi di mercato Ismea.

alternate text

 

“Secondo l'indice Ismea - spiega - che sintetizza i giudizi degli operatori sulla situazione corrente e futura, sull'andamento degli ordini ci sarebbe un maggior ottimismo specie in relazione alle prospettive nel prossimo futuro”.  

“I consumi alimentari delle famiglie italiane - continua - tra le mura domestiche, che sono stati fondamentali per sostenere il settore durante i mesi più duri della pandemia, continuano a mantenere un trend di crescita anche nel primo scorcio del 2021. Siamo ovviamente lontani dai livelli del 2020, quando, per effetto delle chiusure dei food service, si è registrata un’impennata della spesa alimentare con punte anche del 20% nelle fasi iniziali dell’emergenza rispetto all’era pre-pandemica”.  

“Nel primo trimestre di quest’anno - ricorda - abbiamo rilevato un valore della spesa alimentare domestica superiore del 3% rispetto allo stesso periodo del 2020, e di ben il 12% sul 2019. Chiaramente, quest’aumento risente ancora del perdurare delle restrizioni alla socialità, e ci aspettiamo un progressivo indebolimento della tendenza alla crescita sulla scia delle riaperture e del ritorno alla normalità. Tuttavia, prevediamo che la spinta non si esaurirà del tutto, complice il diffuso ricorso all’’home-working, che da misura emergenziale sta diventando sempre di più un fenomeno strutturale per molti lavoratori italiani, spostando stabilmente alcuni pasti tra le mura di casa”.